Clessidra

Packing to… Canada

Agosto 23, 2013
Ciao,
mi chiamo Silvia e ho 24 anni. Seguo il blog di Anna ormai da un po’ e grazie ai suoi articoli e alle sue descrizioni semplici e dettagliate credo di aver individuato la forma del mio corpo nella clessidra non troppo formosa, infatti sono piccolina (153 cm), solitamente porto la 40 di pantaloni (anche se le taglie possono variare) e una terza di seno. Avrei bisogno di un doppio consiglio! A fine settembre partirò per trascorrere 3 mesi in Canada (farà freddissimo!!) grazie a un tirocinio con l’università e vorrei qualche consiglio su cosa mettere in valigia. La mia vita lì si dividerà in due momenti principali:
 
1. il lavoro. So già che l’abbigliamento dovrà essere piuttosto formale, niente jeans, ma pantaloni scuri e giacche (che acquisterò prossimamente) e qualche gonna o abito non troppo appariscente, il tutto corredato da calze pesanti. Non ho mai acquistato pantaloni “da ufficio”, ne ho cercato un paio qualche anno fa per la mia laurea ma non ho trovato nulla che mi piacesse, in quanto tutti erano piuttosto aderenti e non mi piaceva come fasciavano le gambe. Vorrei sapere soprattutto cosa potrei indossare con gonne e pantaloni sotto la giacca, che non sia per forza una camicia, e quali colori possono andare bene, che siano abbastanza formali ma non tristi!
Quale potrebbe essere un look che vada bene tutta la giornata, dall’ufficio a una serata fuori?
 
2. la vita oltre al lavoro sarà fatta di serate fuori e soprattutto spero di week end fuori porta in giro per il Canada e gli Stati Uniti orientali. Avrei quindi bisogno di un look comodo e caldo, e qui l’unica cosa che mi viene in mente è jeans e felpa!
 
Il tutto dovrebbe rientrare nei 23 kg del bagaglio, peso che non vorrei sfruttare appieno in modo da approfittare del cambio ancora favorevole!! =P
Puoi darmi qualche consiglio?
Grazie!!!
 
Silvia
 

Momsontherun

Caschi bene, Silvia. Anche io tra poco dovrò andare in un posto dove fa davvero molto (alla “n”) freddo e starci qualche mesetto, sicché la metà del lavoro per te l’ho già fatto per me! Incredibilmente la cosa che mi terrorizza più della lingua è proprio quello che metterò in valigia per evitare la criogenesi. Dato che son temperature che noi in Italia non abbiamo più avuto dal Pleistocene mi sono affidata alla ricerca internettiana (blog russi, nordamericani e scandinavi) di outfit antifreddo che non siano il classico megapiumino stile omino Michelin e le manopole da discesa libera alpina. (Perchè io di mio avrei portato il mio parka e la maxisciarpa nera: entrambi abiti che immagino siano la prima causa di morte in Canada a dicembre…).
Non mi sembra intelligente crearti una serie di outfit perchè per tre mesi o ti faccio un moodboard tipo “Guardaroba perfetto” (però poi aspettati anche che il tuo maglioncino preferito sia trasformato dalle sapienti mani della Sarta Enza in uno smanicato fluorescente con le renne) o ti segnalo quello che proprio non può mancare nel bagaglio di una clessidra magra che va in Canada; come al solito cercherò di essere essenziale e concisa. Ecco 4 cose che dovrai avere per forza.

1. Un capospalla di quelli coi controcazzi: niente cappe, niente cappotti, niente raincoat che tengono caldo giusto in autunno. Le opzioni percorribili sono i piumini e le pellicce. E dato che stiamo parlando di 23 kg di bagaglio, ti consiglio il piumino (non so se hai mai sollevato una pelliccia…); mi raccomando non uno di quelli dritti o corti ma con una cintura in vita che segni la tua figura a clessidra e che finisca da metà coscia in giù. Non so se ce l’ha già; in caso, è un ottimo acquisto oculato anche per il lungo periodo.
Ah non serve che ti dica che sono aboliti i piumini lucidi e a salsicciotti, vero? No perchè persino mia mamma alle medie si era rifiutata di comprarmelo; non capisco quelle che si ostinano a non dar retta alle mamme… e li sfoggiano in viola… ma ancora oggi, eh, nel 2013.
 
Fashonnotfashonblog
2. Maglioni caldi: ovvero in lana o cachmere, perché a volte ci dimentichiamo che per tenere caldo non bastano le maniche lunghe. Puoi indossarlo per le tue gite nel nord America con jeans e piumino o con una gonna alta in panno per le giornate in ufficio: non è un completo giacca-pantaloni ma quella non deve essere per forza la tua divisa da lavoro, puoi essere femminile e professionale nello stesso tempo. Inoltre la gonna a vita alta renderà di sicuro più giustizia alla tua figura di quanto non farebbe una giacca: formale non significa per forza “donna in carriera anni ’80”. Un lupetto a collo alto nero con gonna o pantaloni a palazzo a vita alta possono essere altrettanto formali e decisamente più femminili e adatti ad una clessidra.

(A proposito di maglie calde oggi ho trovato un bellissimo maglione di cachmere da Zara, grigio, avvolgente, caldissimo e morbidissimo; doveva essere mio, dopotutto insomma quanto può costare un maglione da Zara?! Un rene. Fine della storia d’amore tra me e il maglione di cachmere di Zara).

Pinterest
Lookbook.nu

 

Pinterest

3. Abiti di maglia: saranno i tuoi più validi alleati dato che da soli fanno un intero look, li utilizzerai tantissimo in ufficio ma anche la sera, basterà cambiare le dimensioni della borsa e il luccichio degli accessori; abbi l’accortezza di segnare ovviamente il punto vita con una cintura laddove l’abito cada dritto e ti infagotti.


Cheyennemeetschanel
ash-kingston

 
4. Colori invernali e tessuti maschili: non ho la più pallida idea di quale sarà il colore dell’inverno, non sono così avanti, certo è che le vetrine pre-fall sono piene di blu, nero, beige, verde scuro, marrone, grigi, insomma i classici colori dell’inverno. Io non li trovo tristi in realtà. La novità è che saranno abbinati a tessuti maschili, come il tweed. Direi che almeno un paio di gonne (a vita alta e svasate) di questo tipo devono esserci per forza nella tua valigia: con il pullover e una camicetta saranno perfette per l’ufficio, con un dolcevita e una pochette invece per le serate fuori. Ovviamente, sotto le calze devono essere coprenti e caldissime.

nordstrom
nataliemerrillyn

 

23 Comments

  • Reply
    Anonymous
    Agosto 24, 2013 at 7:41 am

    Bellissimo il piumino della foto, chissà quanto costa (odio il tweed) 🙂 (Cristina la traduttrice)

    • Reply
      Consigli per principianti
      Agosto 24, 2013 at 8:23 am

      Il piumino costerà l’altro rene che non hai lasciato da Zara per il pullover di cachmere…. Però guarda, se è caldo, di una forma che rende giustizia alla tua figura, liscio e non troppo “alla moda” (ricordo con orrore i piumini con megacollo di piumino) è un capo che si potrà tenere anche tutta la vita, dunque i soldi che spendi saranno ben ripagati. Certo concordo che quel bellissimo piumino di marca che non nomino per non far pubblicità che di euri ne viene più di 500 bello è bello, caldo è caldo, ma forse un mese di affitto non son disposta a spenderlo… Esistono altre validissime alternative che (senza marca) son belle e calde a meno.

    • Reply
      Anonymous
      Agosto 26, 2013 at 8:13 am

      Guarda caso, mi piacciono sempre le cose troppo costose :-p; non spenderei mai 500€ per un capo, qualsiasi esso sia; ricordo ancora il mio stupore quando ho visto in una vetrina il cappotto dei miei sogni, allontanandomi subito dopo aver visto il prezzo (mille euro): neanche fosse pelle umana 🙁 (Cristina la traduttrice)

    • Reply
      Consigli per principianti
      Agosto 26, 2013 at 8:55 am

      Alcuni vestiti sono di mistoplatino…! Guarda, sul prezzo eccessivo di alcuni capi non mi esprimo dato che il 90% delle volte è totalmente ingiustificato, in particolare se poi durante i saldi o i ribassi possono essere venduti anche al -70% del loro “valore”. La cosa mi dà fastidio assai ovunque ma in particolare nelle catene low budget: 150 euro per un maglione di cachmere da Zara?? Ok che il cachmere è una lana pregiatissima e costa un occhio ovunque ma essendo una catena di moda a prezzi bassi e dato che i suoi bei guadagni li ha sulle magliettine vendute a 30 euro (reale valore: 2-3 euro massimo), potrebbe anche permettersi di abbassare il prezzo su quel capo particolare. Io non so in quanti lo acquisteranno; il maglione è davvero bello ma chi entra da Zara in linea di massima non spende 150 euro per un solo capo (esclusi forse i capispalla). Se li avessi, comprerei altro e non comprerei da Zara.

  • Reply
    Anonymous
    Agosto 24, 2013 at 6:40 pm

    L’ho detto io che sei la nostra fata madrina 😀 Bel post!
    Io da pera con poco punto vita mi trovo molto bene con gli abiti invernali: li trovo, come dici tu, molto versatili. Ne ho uno in particolare che adoro: ha qualcosa di magico che (pur non essendo del modello che dovrebbe starmi meglio, cioè con punto vita molto alto e poi svasato) lo fa adattare perfettamente al mio corpo senza segnarne i difetti.

    • Reply
      Consigli per principianti
      Agosto 26, 2013 at 8:58 am

      Io li metto raramente perchè non ne trovo mai di decenti che mi piacciano e che mi stiano bene; solitamente sono di materiale scadente e tengono poco caldo. Ma la mia ricerca continua perchè capisco quanto possano essere utili in un sacco di occasioni!

    • Reply
      Anonymous
      Agosto 26, 2013 at 2:45 pm

      Quando faccio il cambio armadio do un’occhiata alle marche dei miei: ne ho in mente uno che probabilmente starebbe meglio a te, che se ricordo bene sei una mela, e che tiene parecchio caldo.
      Io sono fortunatissima, tutti gli abiti invernali invernali che ho sono regali in ottimo stato di cugine che di tanto in tanto si rifanno il guardaroba 😀 Avere tanti parenti ha anche i suoi vantaggi!

    • Reply
      Consigli per principianti
      Agosto 26, 2013 at 5:45 pm

      Oooh grazie mille, gentilissima!! 🙂 Sì, sono una mela a 8!

    • Reply
      Anonymous
      Agosto 27, 2013 at 5:43 pm

      Figurati! Se però entro novembre non ti ho ancora fatto sapere niente ricordamelo, perché la mia memoria fa schifo… non sarebbe improbabile 😛

  • Reply
    Fefè
    Agosto 26, 2013 at 7:36 am

    Post davvero interessante! Quest’inverno dovrò investire su un bel piumino caldo che possa tenermi compagnia per più di una stagione!

    http://www.ilblogdifefe.blogspot.com

  • Reply
    Anonymous
    Agosto 26, 2013 at 12:33 pm

    L’unico appunto è di non esagerare con i maglioni, normalmente nei posti molto freddi i riscaldamenti OVUNQUE sono sempre al massimo e rischi di farti la sauna in ufficio, in autobus, in treno, nei negozi, al bar, al ristorante, a casa, ovunque, se indossi un maglione di lana. Molto meglio un buon cappotto o piumino e sotti vari strati di indumenti che si possono togliere e mettere secondo la temperatura, e calze o collant molto densi.
    Per questo motivo sono anni che non uso maglioni di lana, sono fan del vestirsi a cipolla 🙂

    • Reply
      Consigli per principianti
      Agosto 26, 2013 at 5:42 pm

      Infatti: motivo per cui è molto meglio investire su un super piumino che tenga caldo per strada anche se l’abito sotto non è a prova di antartide 🙂

  • Reply
    Anonymous
    Agosto 26, 2013 at 12:46 pm

    Dopo aver vissuto in Canada (Toronto) per due anni, mi permetto di aggiungere un suggerimento: attenzione alle scarpe!
    Ti suggerisco di acquistare un paio di stivali/scarponi, magari impermeabili, con un bel “battistrada”! Con la pioggia, ma soprattutto con la neve che durante il giorno si scioglie e durante la notte ghiaccia, camminare per strada è difficilissimo se non hai un bel grip!! Ti porterai in borsetta un bel paio di decolletè da infilare quando arrivi in ufficio!
    Sottoscrivo poi in pieno l’ultimo commento anonimo: tutti i locali sono super riscaldati, meglio vestirsi a cipolla! E mai mai mai dimenticare sciarpa, berretto e guanti!
    Simona

    • Reply
      Anonymous
      Agosto 26, 2013 at 2:33 pm

      Quoto il tuo suggerimento, non sono mai stata in Canada ma basta abitare nel nord Italia per sapere quanto è importante avere un bel paio di stivali/stivaletti (nel tuo caso forse è meglio stivaletti, che occupano meno spazio in valigia) con una suola adatta…ho fatto tanti di quegli scivoloni che posso essere considerata un’autorità da questo punto di vista 😛
      Ora ho un paio di stivaletti che probabilmente mi faranno sembrare un soldato della Germania nazista, ma almeno mi tengono in piedi (e a dirla tutta mi piacciono anche). Meglio soldato che cammina tranquillo che principessa che cammina con la grazia di un bradipo zoppo.
      Evita anche lo scamosciato, che con neve e pioggia si rovina facilmente.

    • Reply
      Consigli per principianti
      Agosto 26, 2013 at 5:48 pm

      Assolutamente! Un bella suola antiscivolo è necessaria!
      E sullo scamosciato non posso che essere d’accordo, si rovina anche solo guardandolo

    • Reply
      Anonymous
      Agosto 27, 2013 at 5:48 pm

      Il problema è che in questi anni va moltissimo di moda…l’anno scorso è stata una tragedia trovare scarpe per autunno e inverno: scamosciato ovunque, anche sulle scarpe da ginnastica!
      Spero che sia una tendenza passeggera, perché mi sembra abbastanza assurda.

  • Reply
    ^Eli^
    Agosto 26, 2013 at 8:08 pm

    ogni volta che leggo un tuo post mi viene voglia di rifarmi il guardaroba ^^ spero,un po’ alla volta, di riuscire a sostituire tutti i miei acquisti meno azzeccati!!un bacione e grazie ancora per questo blog stupendo sara <3

  • Reply
    Silvia
    Agosto 30, 2013 at 3:59 pm

    Grazie 1000 per tutti i consigli!! Fortunatamente quasi tutti i pezzi consigliati sono già nel mio armadio!!

    • Reply
      Anonymous
      Agosto 30, 2013 at 10:12 pm

      Ciao, ho appena visto per caso che avevi un blog, e sbirciando mi è sembrato interessante [il post sui regali di Natale dell’ultimo minuto mi sarà d’aiuto, per esempio ;)] ma che ti sei “trasferita” su WordPress cambiando anche il nome del blog: se mi dici qual è sono curiosa di darci un’occhiata 🙂

    • Reply
      Anonymous
      Settembre 2, 2013 at 1:48 pm

      Che scema, c’era il link -.-

    • Reply
      Silvia
      Settembre 11, 2013 at 9:25 am

      Ciao! Scusa il ritardo! Si ho cambiato piattaforma ma ho lasciato attivo blogger per un po’!=)

  • Reply
    Silvia
    Settembre 11, 2013 at 9:24 am

    Questo commento è stato eliminato dall’autore.

  • Reply
    Anonymous
    Settembre 13, 2013 at 11:05 am

    Quali sono i piumini a salsicciotti ?

Leave a Reply