Mela

Come vestirsi alla propria laurea

Febbraio 6, 2014

[testimonial author=”Chiara”]Ciao Sara,
mi chiamo Chiara e ho un disperat(issim)o bisogno del tuo aiuto e del tuo buongusto, spero tanto che tu possa aiutarmi *_*.
I primi giorni di maggio mi laureerò e vorrei che mi aiutassi a trovare un vestito che mi doni davvero e con cui riesca a sentirmi a mio agio.
Quel giorno ha un gran significato per me, lo sogno da anni e arriva in un momento molto particolare della vita della mia famiglia, potrebbe essere una delle ultime occasioni in cui siamo tutti insieme.
Non voglio intristire nessuno (nè tanto meno fare pietà °_°), è che vorrei farti capire QUANTO ho bisogno di vedermi bene nelle foto che scatteranno.
Veniamo ora a me: sono una mela, non so se con poco/tanto seno (porto una 4C per via del busto, il seno in sè è piccino), ho una pancia enorme (una persona mi ha chiesto a che mese fossi! Non ti sto a dire quanto questo mi abbia ferito) e sono bassina (160cm). Come taglia porto una 48.
Mi piacciono i colori scuri (il grigio e il blu soprattutto, il nero tendo un po’ a snobbarlo perchè mi intristisce) e di solito indosso jeans e maglioncini accompagnando il tutto dalle fedeli sneakers (o scarponcini tipo Timberland d’inverno).
In caso di occasioni formali mi infilo un tailleur giacca-pantalone senza problemi (coi tacchi stavolta :D) ma per la mia laurea vorrei qualcosa di un filo più *frizzante*, non vorrei sembrare una piccola manager insomma.
Mi piacerebbe indossare un abito corto (al ginocchio come lunghezza penso possa andare bene) a cui aggiungere un blazer (che riutilizzerei senza problemi, li amo!).
Quanto ai colori io vorrei rimanermene nella mia *comfort zone* ma se ritieni che -non so- un arancio fluo possa starmi bene sono pronta a fare delle prove ^_^.
Spero di aver detto tutto ^_^ ti lascio alcune foto* che spero non usciranno dal tuo pc e che spero possano esserti utili 😉
Grazie mille per l’attenzione che hai dedicato a questa mia letterina,
[/testimonial]

Lavoro in università; oddio, lavorare è una parola abbastanza pesante dato che la mia paga è pari a quasi-zero, ma diciamo che in università ci passo molto tempo e ci svolgo un’attività para-lavorativa. Quando arrivano i giorni delle lauree, le studentesse si dividono in due grandi categorie. No, non quelle che hanno fatto un buon lavoro e quelle che hanno fatto un pessimo lavoro. Ci sono le aspiranti promoter del formaggino Mio al supermercato e le aspiranti veline. Le prime si riconoscono perchè hanno un tailleur gessatissimo con la gonna sotto il ginocchio, il trucco da cinquantenne, il tacco quadrato e le calze color carne (esagero? vi giuro che ho visto il tutto indossato da un’unica persona con questi miei occhi). Le secondo hanno l’abitino mini preso da Subwed che lascia aperto l’interrogativo mutanda sì / mutanda no. Ah, c’è anche una terza categoria, quella che penso di aver inaugurato io, quella della Monaca di Monza che atterrita dall’idea di assomigliare alla promoter o alla velina alla magistrale ha optato per abito nero taglio monacale. Amen.

Quindi trovo assolutamente confortante che una ragazza mi scriva una mail per capire come vestirsi per la laurea e che lo faccia per tempo; io ho scelto all’ultimo minuto il mio abito della triennale e no vabè è un outfit (ROSA) che preferisco dimenticare. Trovo molto bella l’idea del mini abito con un blazer lungo e morbido sopra; io lo terrei slacciato, con le maniche a tre quarti, per una massima libertà di movimento e un look più rilassato. Lo so che è uno dei giorni più seri della propria vita ma suvvia, è una festa, avete lavorato tanto per arrivarci, non può che andar bene. Godetevi il giorno senza ingessarvi. Come abito, per la tua forma suggerisco la classica linea ad A, che scende dritta senza segnare nulla. Posso dirti una cosa? A me la tua pancia non appare affatto enorme, è una pancia tipica da mela che non sporge più di tanto… Ti racconto un aneddoto riguardo a gente che dice cose a gente. Una sera, avevo 17 anni, stavo aspettando l’autobus per andare al compleanno di una mia amica in città. Eravamo ai primi di novembre. Mi ero vestita bene, avevo i tacchi, un abito al ginocchio, un bel cappotto nero e chiaramente una grossa sciarpona bianca che mi copriva fino al naso. Tra le mani tenevo un pacco regalo bello grosso, un quadro che avevo fatto io per lei, incartato in carta beige con un fioccone rosso sopra. E insomma sto lì con il mio ipod nelle orecchie che aspetto ed ecco che si ferma una macchina. Tiro via le cuffiette e mi abbasso perchè pensavo fosse qualcuno che voleva indicazioni stradali. Pensa quanto ci son rimasta bene quando mi ha detto serissimo “quanto chiedi?”. Allora: in che mondo scambi una ragazza con un pacco regalo tra le mani per una prostituta? Ok, indosso un abito elegante a metà coscia e tacchi alti, ma porca vacca, HO UN PACCO REGALO TRA LE MANI! E calze coprenti in lana assolutamente antisesso, ma soprattutto UN PACCO REGALO TRA LE MANI! Ora, ci sono rimasta così male che credo di aver balbettato qualcosa tipo “non lavoro, aspetto l’autobus”, e se avessi seguito il primo istinto probabilmente sarei corsa a casa a mettermi un paio di pantaloni in pile viola e le mie Stan Smith coi lacci rossi per fugare ogni dubbio; ma non l’ho fatto perchè… era lui che stava sbagliando. Io non sembravo una prostituta (giuro) e tu non sembri incinta. E se diamo retta a ogni imbecille non ne usciamo più.

Torniamo a noi: io ti vedo benissimo con un abito linea ad A e un blazer morbido e dritto sopra, quasi effetto cardigan. Ho visto dalle tue foto che metti spesso il rossetto ciclamino; e fai bene, perchè ti illumina tantissimo. Quindi ti faccio uscire dai tuoi colori scuri adorati e sì, ti consiglio proprio un blazer ciclamino. L’abito lo vedo benissimo bianco, magari in sangallo, dato che in primavera saremo sommerse di abitini romantici. Niente fronzoli, eh. Solo un tessuto prezioso. Con un outfit del genere gli accessori sono da ridurre all’osso: gioielli piccolini e non vistosi, borsa e scarpe nere. Un consiglio per la borsa: non mini da discoteca, non a mano da manager, non pochette che poi o reggi lei o reggi la tesi. Preferiscila piccola ma con una lunga tracolla, da tenere a spalla.

1167720_10152282654457425_991979594_n

You Might Also Like...

13 Comments

  • Reply
    Chiara
    Febbraio 6, 2014 at 6:58 pm

    Grazie mille Sara!**
    Per scarpe e borsa dovrei essere a posto, il problema sarà trovare un abitino ad A bianco, spero di farcela *_*
    Grazie grazie grazie ♥

    • Reply
      Ari
      Febbraio 7, 2014 at 11:57 am

      Se non trovi niente prova su Asos, di solito ci sono!

  • Reply
    EleonoraD
    Febbraio 6, 2014 at 9:05 pm

    Outfit delizioso!! *_* sante parole le tue, io per la laurea ho acquistato un tailleur pantalone dritto dritto e maschile. LILLA. E sono una rettangolo!!! Serve dire che è uscito dall'armadio solo per essere regalato a un'amica?!?!
    Io non uso i tailleur pantalone, mi ammazzano. Il fatto è che fino ai 28 anni mi vestivo da ragazzina (ora ne ho 33, è da circa 5 anni quindi che mi vesto con criterio e con soddisfazione,dopo aver archiviato i capi del liceo) quindi ci sono cascata anch'io nel tranello laurea=piccola manager ingessata -_-
    Comunque ho visto di tutto, ho poi fatto il dottorato e quindi sono diventata assistente… Vogliamo parlare delle invitate alla laurea di un'amica?? Disastro e sconforto. Dall'abito matrimonio in shantung agli short in jeans con canotta bianca. GIURO.

    P.s. Complimentissimissimi per il blog favoloso. Ho scoperto te e Anna solo durante queste vacanze natalizie…ma non vi lascerò più! 🙂

  • Reply
    EleonoraD
    Febbraio 6, 2014 at 9:10 pm

    Dimenticavo: dove si può trovare quel bel blazer ciclamino? Io non uso i blazer però ho visto che Anna li consiglia lunghi e dritti alle rettangolo (non spigolose) da mettere sopra agli abiti… O ho capito male?

    • Reply
      Consigli x principianti
      Febbraio 8, 2014 at 7:39 pm

      Alle rettangolo i blazer stanno bene sempre, sia con i pantaloni sia con gli abiti dritti, quindi puoi andare tranquilla. Personalmente non mi sono mai messa alla ricerca di blazer colorati, ma credo si possano trovare su Asos; mi pare di averne intravisti di verdi e ciclamino l'anno scorso da H&M… Guardati attorno, insomma 🙂

  • Reply
    Ari
    Febbraio 7, 2014 at 12:19 pm

    Mi piace tantissimo questo outfit, invidio un po' Chiara che lo indosserà 😉
    Per l'aneddoto…ODDIO! Vorrei ridere per come l'hai raccontato ma sono ancora sotto shock O.O

    • Reply
      Consigli x principianti
      Febbraio 8, 2014 at 7:42 pm

      La gente a volte non connette il cervello alla laringe…..

  • Reply
    Sara
    Febbraio 13, 2014 at 12:28 pm

    ha ha certo che certi uomini sono proprio ciechi! è successo anche ad una mia amica di essere scambiata per una prostituta ed era vestita più o meno come te! O.O
    per la laurea: io sono veneta e qui c'è la tradizione di conciare la gente in modo imbarazzante quando si laurea.. quindi appena ti hanno dato il voto gli amici ti infilano in un costume da pene, ti legano una bottiglia di tavernello alla mano e ti mandano in giro così!

    • Reply
      Consigli x principianti
      Febbraio 18, 2014 at 3:58 pm

      Laureata in veneto presente. Non avevo un costume da pene ma ero conciata proprio così!!

    • Reply
      EleonoraD
      Febbraio 22, 2014 at 10:32 pm

      Hahaha presente anch'io, mi hanno vestita da befana con tanto di scopa di saggina e fazzoletto annodato in testa! XD
      P.s. Dopo un più approfondito studio del blog di Anna ho capito: non sono una rettangolo ma una mela magra con poco seno! Incredibile come sia più facile riconoscere la forma del corpo deglialtri rispetto al proprio…

  • Reply
    Clara
    Novembre 21, 2014 at 7:30 pm

    Ciao, dovrò laurearmi alla fine di questo mese di mattina.. e come spesso capita non ho ancora deciso che abito indossare.
    La scelta è tra un tailleur nero con delle parti bianche (giacca a scollo barca) oppure un abito bianco con manica 3/4 non esageratamente corto nè strettissimo (le giuste forme).
    Potresti consigliarmi?
    Grazie

    • Reply
      Consigli x principianti
      Novembre 24, 2014 at 11:51 am

      Non sapendo nulla di te ti rispondo: quello che più ti piace.

Leave a Reply