Cambio stile Clessidra Forme Mela Pera Rettangolo Triangolo invertito

Come adottare lo stile… casual chic

Luglio 14, 2014

(Alla luce del post precedente, questo articolo sarà scritto camminando sui gusci d’uova e con molteplici scuse a chiunque possa sentirsi offeso dalle mie pessime battute d’umorismo).

[testimonial author=”Benedetta”]Ciao Sara,
spero che le conseguenze della caduta che ti hanno portata in ospedale si siano risolte!
Il mio attuale modo di vestire mi piace o meglio lo trovo molto pratico, ma inizia ad essere poco adatto alla mia età (39), inoltre finisce per essere banale e ripetitivo. Mi vesto sempre allo stesso modo per ogni occasione e mentre per la vita di tutti i giorni sono solo noiosa nelle occasioni speciali risulto inadeguata. Insomma indosso costantemente pantaloni, maglietta e maglione e non riesco a inserire altro!
Non so quale stile vorrei adottare, posso dirti quale non vorrei adottare: non  etnico, sicuramente non bonton, maschile direi di no. Soprattutto non quello che dovrei avere secondo mio marito: tailleur con gonna stretta o tubino, due cose che non mi piacciano e soprattutto non mi donano. Opterei per il minimal perché penso si avvicini al mio carattere.
Girando tra i veri blog ho, forse, trovato lo stile che mi piace e cioè lo smart casual.
Vorrei qualche suggerimento per adattarlo alla mia forma: clessidra magra secondo Anna, pera secondo me e  per come interpretarlo per la sera.
Grazie e ciao[/testimonial]

Finalmente posso venire anche io allo scoperto con un outing che magari tutte avranno intuito: ebbene sì, il mio stile del cuore è il casual chic. E’ quindi con molto piacere che rispondo a questa mail! Parto immediatamente col dire che ahimè non è lo stile che meglio si adatta a chi ha le curve (assolutamente non insinuo che chi ha le curve non può essere casual e chic): il casual chic sta sicuramente meglio a mele e rettangolo e triangolo invertito (se il seno non è molto ingombrante, rischiando di rovinare le linee della giacca), poichè strizza l’occhio al guardaroba maschile e per questo è poco attento alle esigenze di chi è puntovita-munita. Ma non per questo va abbandonato, se piace, da pere e clessidre. Anzi, se ben si utilizzano alcuni accorgimenti può diventare un vero e proprio punto di forza: la femminilità e il rigore maschile fuse insieme in un mix perfetto.

La regina del casual chic è sicuramente la splendida Inés de la Fressange, la principessa sua figlia Nine d’Urso, che ormai da anni ispira i miei tagli di capelli (grazie Nine); è molto utile avere questo confronto generazionale poichè sarà possibile per noi poveri mortali prendere spunti per qualsiasi fascia d’età. Un’altra ispirazione per me imprescindibile è la blogger Hedvig Opshaug (sembra il nome di un personaggio fantasy ma si chiama proprio così, giuro) di The Northern Light la quale, salvo la recente -per fortuna sporadica- conversione all’oversize che a me personalmente non piace affatto, ha sempre uno splendido modo di vestire, molto semplice ma curatissimo. Ultimo esempio di donna che segue questo stile, con qualche incursione molto ben riuscita nell’etnico, è Paola Marella; lo so che vende case, ma non posso farci nulla se la trovo una musa ben più di Carla Gozzi.

Quali sono i capisaldi da tener conto se si vuole adottare il casual chic? Prima cosa, capi di qualità. Ahimè, non è uno stile per tutte le tasche. Certo non bisogna essere miliardari per forza, nessuno vi dice che se non avete solo pantaloni di Hermes per me siete fuori (ciao, Briatore); semplicemente, pantaloni, giacche, cappotti e maglie dovranno avere un buon taglio, oserei dire quasi sartoriale. Chi non può permettersi un sarto a domicilio nè incursioni da Celine, Acne e Altazurra (eccomi qui), può puntare su marchi low cost come Zara (i cui blazer non sono da buttar via, anzi) e Cos e spulciare negli outlet delle firme, alla ricerca di ottime occasioni (ci sono, ve lo garantisco, basta avere pazienza e accompagnatori che non ti tedino l’anima dicendoti “oh hai ancora 4 minuti, esco ad aspettare vicino a quel cane”; ciao amore mio…). Chiaramente, ancora una volta le mele e le rettangolo sono favorite: su di me, un pantalone dritto anche di fattura non eccelsa e un blazer di Zara cadono come un pantalone o un blazer costati ben di più. Questo perchè io le curve non le ho. Questo perchè i miei blazer non faranno mai le pieghette e i pantaloni anche senza pence non tireranno sul sedere. Una clessidra e una pera dovranno invece, come dice sempre e giustamente anche Anna, investire di più sul loro guardaroba maschile – laddove io mela devo investire molto di più sul mio guardaroba femminile, dato che vestiti e gonne che mi piacciono mi stano spesso uno schifo. (Sempre a scanso di equivoci: mele e rettangolo di tutto il mondo, posate i forconi, se mai li avete imbracciati, questa è la MIA esperienza con gli abiti e le gonne, ok? Voi tutte non state uno schifo). Il mio suggerimento in questo caso è magari investire un poco di più, comprando quantitativamente molte meno cose ma ben combinabili fra loro. Se avrete capi dai colori base e di qualità sicuramente potrete piano piano rifocillare il vostro guardaroba con sempre più abiti, poichè quelli che avete comprato 3-4 anni fa si saranno mantenuti quasi come nuovi. Una cosa preferibile al dover abbuffarsi di fast fashion che tra qualche mese si sarà slabbrata.

Secondo suggerimento per tutte le clessidre e le pere: scegliete dei blazer svasati e dal taglio più femminile (molto bella a parer mio l’idea della cintura a contrasto), che terminino nella parte superiore del sedere. Questo perchè metteranno il pieno risalto il vostro punto vita e accompagneranno le linee dei fianchi senza intozzirvi. Questo suggerimento è pienamente da scartare per mele e rettangolo e triangolo invertito, che dovranno puntare su blazer più lunghi e dritti. Quando non avete voglia di mettere il blazer, una blusa la sostituirà egregiamente, ma una camicia lo farà in modo perfetto.

bdc6a2e34150fed3a1086714c133f49d

3dd8fdfb2ceac217311f2b53e7e7e8c0

b4afc8ec54800e86af7ea185005d7cb7

Terzo suggerimento: i pantaloni. Le clessidre e le pere dovranno buttarsi su pantaloni a vita alta o media leggermente svasati, magari abbinati a un tacco dai 5 cm in su. Mele e rettangolo e triangolo invertite (ma anche clessidre poco formose e pere la cui sproporzione non è evidente) possono invece permettersi chinos e capri, adattissimi a mettere in risalto le gambe magre. Perfetti anche questi coi tacchi, ma sopportano benissimo e con grande classe anche le ballerine o i mocassini.

http://the-northernlight.com/

Hedvig-Opshaug-26.04.2014-2

Quarto suggerimento: i colori.  Meglio evitare o dosare moltissimo i colori accesi, sì ai colori neutri: questo stile li predilige, rendendo possibile per altro mescolare i capi quasi in libertà. Occhio alle fantasie: no ai pois, ni al tartan, sì alle righe e al gessato. Per la sera, come sempre molto azzeccati i toni scuri e le morse mignon.

Quinto suggerimento: capitolo vestiti e gonne, che mal si accordano con questo stile, se declinato nella versione “curve”. Questo perchè tanto le gonne (a tubo e a vita bassa) quanto i vestiti casual chic sono dritti. Ovviamente, anche in questo caso tutte le clessidre e pere non formose potranno comprare abiti dritti e segnare il punto vita con una cintura; ma a questo punto meglio trovare direttamente un abito con il taglio svasato già di suo, no? A me piacciono molto i wrap dress, ma appunto… a voi la scelta.

88f7883938530edba1cef6705cbd07d8

326125c5b185d57488c0325363ff1b33

You Might Also Like...

18 Comments

  • Reply
    Cristina
    Luglio 14, 2014 at 10:31 am

    E guarda un pò, lo stile del post è quello che piace a me (compresa Paola Marella, che ha capi bellissimi ma, ahimè, anche costosissimi) e che non potrò mai permettermi, sia per questione di soldi, sia perchè a parte quei pochi marchi low cost già citati, nella mia città gli altri praticamente non esistono e quindi l'estremo tentativo sarebbe quello "vecchio stampo": scovare in merceria un tessuto decente e affidarmi a una sarta brava (domandina ina ina: non è che si potrebbero fare dei post appositi su questo stile, secondo le varie forme del corpo,magari con qualche dettaglio in più o sono troppo esigente? :-p)

    • Reply
      Consigli x principianti
      Luglio 14, 2014 at 10:56 am

      Come linee generali puoi benissimo prendere quelle di questo post: è uno stile che non ha molte varianti, chi ha le curve e punto vita può prendere i suggerimenti sopracitati e seguirli 🙂

    • Reply
      Consigli x principianti
      Luglio 14, 2014 at 11:12 am

      (PS. altro estremo tentativo, che è quello che ho adottato io: andare dalla nonna sarta e "farsi imparare" a cucire!!!)

  • Reply
    Sere
    Luglio 14, 2014 at 10:48 am

    Sara posso fare un appello? ' a chiunque avesse informazioni sui dispersi wrap dress del genere sopra citato x clessidre: per favore se li avvistate scrivete!!!' . Se ne vedono pochi, e solo per taglie diciamo 'curvy' . Ma mi sento curvy anche io, perché le curve le ho,ma ho una 42. È mai possibile trovare un wrap dress che non sia un wrap dress 'finto' che copre le chiappette a malapena e che dia un po' di respiro davanti?

    • Reply
      Consigli x principianti
      Luglio 14, 2014 at 10:54 am

      Mi accodo all'appello!! Io li adoro e non li trovo mai da nessuna parte! Chi sa dove trovarli, parli 🙂

    • Reply
      Silvia
      Luglio 14, 2014 at 10:54 am

      Mi associo all'appello e aggiungo low cost…!! 🙂 Qualcuna li ha avvistati??

    • Reply
      Stefania
      Luglio 14, 2014 at 11:50 am

      mi accodo all'appello anche io! i wrap dress li ho visti solo da H&M e posso dire con estrema gioia che ho comprato il mio primo wrap dress proprio da H&M pochi giorni fa! è questo, con le righe blu e non rosse, mi arriva quasi al ginocchio ma sono alta 1.58, quando l'ho provato sono rimasta allibita, conteneva il seno senza stringere, non mi segnava il sedere (sono una clessidra formosa)
      http://www.hm.com/it/product/27827?article=27827-B
      poi ne ho visto un altro sempre da H&M che non ho trovato sul sito ma è sintetico quindi l'ho lasciato appeso e ne ho visto un altro la scorsa collezione, sintetico anche quello è con una fantasia poco giovane. Ho iniziato ad andare da H&M l'anno scorso ma continuerò ad andarci forse propongono almeno un modello wrap dress tutte le stagioni. spero di trovarne un altro magari non di H&M e di buona qualità!
      Un'alternativa potrebbe essere quella di affidarsi allo shopping online, qualcuno mi ha consigliato asos, ma per me non è un'alternativa, i vestiti li devo provare!!

      • Reply
        Sere
        Luglio 14, 2014 at 12:24 pm

        Su asos ne hanno 'molti' fatti come si deve per donne curvy.. C'é proprio la linea come x le alte e le piccoline. Ma siamo sempre lì.. Nella linea classica non ne se ne trovano.. È proprio bello questo genere.. Opachi, senza fronzoli e pizzi e scolli sulla schiena, con colori sobri e magari qualche fantasia appena accennata. Forse è chiedere troppo. E poi, giustamente, sarebbero da provare.

        Sara pensavo la stessa cosa.. appena mi laureo (speriamo presto) macchina da cucire e spero di trovare ancora qualche signora disposta a 'passare l'arte'.

  • Reply
    benedetta
    Luglio 14, 2014 at 12:52 pm

    Sara, ti ringrazio per la risposta che ho tanto atteso, però accidenti Inés de la Fressange. E' vero che è una clessidra (90-60-90) però è alta un metro e ottanta e pesa 50 chili, come esempio è un po' difficile da seguire. Molto belli i tagli di capelli della figlia (che non sapevo fosse la figlia), da quest'inverno inizierò a copiarla anche io. Cmq mi sento rassicurata, praticamente mi vesto come tu hai indicato nel post (pochi capi ben scelti, colori neutri, vita segnata devo solo rassegnarmi ai 5 cm di tacco) forse sono sola iper critica.
    Grazie ancor a ciao

    • Reply
      Consigli x principianti
      Luglio 14, 2014 at 2:25 pm

      Ines è una musa! E credo che anche se non siamo esattamente come lei, possiamo prenderle quello che di meglio possiamo e applicarlo alla nostra vita 🙂

      • Reply
        benedetta
        Luglio 14, 2014 at 2:45 pm

        Beh, parlo per me, io sono parecchio diversa da lei… e non solo per il fisico. Ho visto una sua foto in topless ed era comunque fine e composta, ragazzi, se non quella non è classe, non so cosa possa esserlo.E' molto magra, ma non sembra che non mangi dal 1982 come Paola Marella. Ovviamente ho sempre ammirato lo stile di Inés de la Fressange, ma pensavo di essere troppo diversa da lei prenderla come modello, ma forse hai ragione tu devo prendere il meglio che posso.
        ps: bellissimo il giochino matematico per l'autenticazione, provo a suggerire a Anna di adottarlo al posto del suo che mi fa impazzire perché ho un difetto visivo che mi rende molto difficile distinguere le lettere distorte.

        • Reply
          Consigli x principianti
          Luglio 14, 2014 at 2:49 pm

          Ma certo, io ho messo foto sue e di sua figlia, così come di Hedvig, per far vedere lo stile casual chic nella sua apoteosi e dare ispirazioni su colori, accostamenti, attitudini! Chiaramente i consigli da seguire, i piccoli aggiustamenti per le pere e le clessidre, sono nel testo scritto 🙂

  • Reply
    Elleb
    Luglio 14, 2014 at 1:10 pm

    Wrap dress, oltre che da H&M (spesso un po' corti, vero), potrebbero spuntare anche da Oltre (ne ho uno ma di parecchio tempo fa) e Promod (idem). Nella fascia di prezzo più vicina e un po' maggiore ad Oltre ho visto bei capi da Diffusione Tessile, online come già detto su asos e zalando (ma su questo non si trova con la ricerca per parole chiave, bisogna spulciare), online e bio ci sono quelli di PeopleTree (però con la gonna fasciante) e Retrò ecowear. Se proprio riuscite a fare un investimento quelli "originali" di Diane Von Fustenberg – ahimè solo e sempre provati, mai acquistati – stanno da favola, la miglior approssimazione "toccata con mano" finora restano i capi di Diffusione Tessile.

    • Reply
      Consigli x principianti
      Luglio 14, 2014 at 2:28 pm

      Quelli di Diane sono spettacolari…!

  • Reply
    Cristina
    Luglio 14, 2014 at 2:24 pm

    @Sara: purtroppo la nonna non ce l'ho più e la mia in particolare, non andava oltre l'orlo o il rammendo o l'attaccare il bottone :-(. Se esistesse una scuola di cucito come quella che frequenta Anna, forse mi iscriverei anche se sono pasticciona :-p. Alle ragazze che cercano un wrap dress, posso dire che su Ebay.uk, inserendo la stringa "wrap dress", si trova un mare magnum tale, che viene rabbia a pensare anche in Italia potrebbero fare uno sforzo in più per portare qualcosa di simile. Non ho idea delle taglie (se cioè vestano bene o meno), perchè non ho mai ordinato, tanto più che le misure sono inglesi e non le classiche standard, per cui una misura che su un'inserzione potrebbe fare al nostro caso, magari in un'altra risulta troppo piccola (o grande). Ad esempio, ieri una ragazza, mi ha suggerito un venditore (su Ebay appunto) che vende una linea di vestiti di kim Kardashian che, devo dire, sarebbe perfetta per le clessidre (magari,aggiungo, in vista di un appuntamento in cui si vuole essere certe di fare colpo). Se Sara lo consente e non viola le regole, magari lo condivido con voi. Riguardo il resto, sarebbe bello avere una Paola Marella "low cost", che fosse in grado di dirci come fare per ottenre il suo stile e un negozio in cui potersi affidare, ma dubito che le donne sofisticate come lei, dicano alle altre quali siano i "truchi" di cui si avvalgono :-(((

  • Reply
    Lilit
    Luglio 14, 2014 at 3:14 pm

    io ahimè tendo ad essere molto casual e poco chic 🙁 comunque prendo nota, perchè i consigli dati sono molto utili.

  • Reply
    simona
    Luglio 21, 2014 at 8:10 am

    Ciao Sara, finalmente qualcuno l'ha detto…dove sono i wrap dress ? Io ne presi uno quasi dieci, si dieci, anni fa da H&M verde in fantasia tono su tono..messo pochissimo xké tirava sulla pancia, ma ogni estate lo tiro fuori xké è bello il tessuto nn si è rovinato..e quest'anno ho provato a indussarlo alzando un po' il punto vita(credo di essere una mela a 8 con le cosciotte)e finalmente lo potrò sfoggiare senza magoni …ma come dicevo dieci anni fa..di quella consistenza e taglio così pulito io non ne ho più visti in giro..all'h&m ci sono stata la settimana scorsa e nn li ho visti..bello anke il resto del post, mi piace molto qs stile addosso ad altre persone ma quando lo provò su di me…boh nn mi dona, forse xké come dici tu è maschile..ma forse sono fisime mie….^_^

    • Reply
      Consigli x principianti
      Luglio 23, 2014 at 2:46 pm

      Io lo sfoggerei, magari appunto alzando il punto vita e lasciandolo più morbido, senza stringere eccessivamente la cinturina.

Leave a Reply