Cambio stile Clessidra

Soft grunge: istruzioni per l’uso

Febbraio 25, 2015

[testimonial author=”Claudia”]Ciao Sara, qui parla Claudia, 19 anni, studente di design.Prima di tutto volevo ringraziarti per tutti i post intelligentemente divertenti con cui delizi i miei viaggi in treno tra una lezione e l’altra, seguo te ed Anna da tempo e ho imparato un sacco di cose grazie a voi. Spero che la mia email sarà scritta abbastanza bene da ricevere una risposta altrettanto accurata, altrimenti perdonami. Veniamo al dunque. Quando finalmente mi sono resa conto di non essere semplicemente grassa ma più che altro formosa (è accaduto abbastanza presto da non rendermi l’adolescenza un inferno) ho passato anni con la convinzione di essere una mela: altina, gambe lunghe, molto seno, per nulla minuta. Solo dopo una più attenta osservazione mi sono scoperta clessidra e ho cominciato quindi a indossare molte molte molte più gonne fino a ridurre leggins e pantaloni a una quantità davvero irrisoria tanto che, nell’indossare adesso un jeans forse mi troverei anche un po’ a disagio. Il punto è che attualmente il mio stile tende ad essere sempre un po’ british e un po’ casual chic, tranne per quella fetta di t-shirt molto nerd che compro alle fiere del fumetto o dipigo da me. Solo di recente (grazie anche al ritorno di fuoco dello stile anni ’90) ho scoperto la cultura grunge/soft grunge ma, soprattutto, questo strano modo di vestire molto easy, ubano e un po’ dark che sento rappresenti il mio carattere molto più delle camicie, dei cardigan e delle ballerine. Il problema si pone nel momento in cui devo adattare questo stile (a quanto sembra) per taglie zero alla mia persona: studentessa universitaria, 48, clessidra. Credo mi servirebbe qualche dritta, che ne dici? Un grande abbraccio[/testimonial]

Devo essere assolutamente sincera con tutte voi: non amo il grunge. Lo trovo uno stile molto sciatto, poco femminile e soprattutto molto poco democratico. Non lo capisco. Perchè vestire con jeans larghi, t-shirt larghe, camicie da boscaiolo e scarpe con la zeppa? Già lo trovavo disgustoso quando ero giovane, ora mi p proprio incomprensibile. Se a qualcuno sta bene, è alla rettangolo filiforme; la quale però, infagottata in abiti informi, nasconde la sua magrezza, ossia il suo punto di forza. E pensiamo a cosa accade alle altre forme, quando adottano questo stile: diventano uniformemente grasse, senza punto vita anche dove c’è, senza la linea del seno e del sedere ben definite. Le pere diventano tutto cosce, le mele tutta pancia, le triangolo invertito tutto seno, e così via. Io vedo nel grunge una mortificazione della femminilità. In realtà è esattamente così che è nato: uno stile unisex per ragazze magrissime, un’idea di donna e moda molto in voga negli anni ’90. Va ben oltre il semplice stile maschile, che pure punta su linee dritte e adatte solo alle rettangolo: lo stile tomboy, quantomeno, sta bene addosso alla rettangolo che lo porta e non ne azzera la femminilità. Il grunge sì.

c7a9416b95a5f4f436de7309dde5bd38

a65238f6cf74c9b12fc6f815b4e2db8d

Per fortuna il ritorno delle decadi modaiole passate è sempre fatto con un po’ di testa e ciò è accaduto anche con gli anni ’90: sono tornati, ma migliorati. Del grunge sono rimasti i tessuti, le stampe e alcuni capi cult (come il bomber, che a parer mio è il capospalla più orribile mai concepito dalla mente umana, o gli anfibi), ma le linee si sono snellite e l’oversize si è mescolato ai capi normali. Resta però uno stile adatto solo alle rettangolo.

893cfe1bf4dc0991c2429e25f195508d

Se però le altre forme amano questo stile, possono comunque prendere qualche spunto. Ovviamente il total look è off limits, ma dettagli e mood si possono comunque mantenere.

Nero: quale altro colore rappresenta il grunge meglio del nero? Nessuno, appunto. Solitamente, si abbina a pelle diafana e chioma appariscente. Non chiedete il perchè, ma quando eravamo adolescenti essere pallide era un must. Gli emo non hanno mica inventato nulla. Il tocco più minimale e allo stesso tempo d’impatto è usare eyeliner e smalto per le unghie nerissimi; si abbina a qualsiasi abito, ma rievoca subito le atmosfere rock di quegli anni.

da9da1c522c12f1fba4f8bc92a7d76b2

4d3ba8e29566c50be7b6363794d6b077

Camicia tartan: nella sua forma più grezza e maschile, ossia in flanella a scacchi rossi. Abbinato al nero, il tartan fa subito grunge-punk; il mood londinese è assicurato, insomma! Se la camicia non ci sta bene addosso perchè siamo forme poco camicia-friendly, esiste sempre la possibilità di indossarla annodata in vita. A chi ha vissuto gli anni ’90, l’idea provocherà terrore; eppure, una clessidra potrà servirsi di questo espediente per segnare il punto vita in modo originale: maglia bianca, jeans wide o bootcut, camicia tartan e accessori neri possono creare un look soft grunge adatto a tutti i giorni.

866610ea99e2991cee961c39bca2f66f

6535d5230ac85121d5e94d6ed54d042e

Cuffia: oversize, nera e floscia. Insomma, alla Grande Puffo. Se abbinata ad un cappotto (e non al giubbino di jeans o al bomber) può avere davvero un risvolto molto fine, casual e mai trascurato. A me piace molto sui capelli lisci ma so che molte la apprezzano di più sul riccio. La verità è che sono riccia, per cui i capelli ricci non mi piacciono: come sempre.

bc0fea9b5649df8dfae8f119e274d0af

3c62a5490770612b4d9d776cb1a904c9

 

Parka: non è un capo esclusivamente grunge; abbinato al bianco e all’arancio sa essere elegante, se abbinato invece al nero e al jeans diventa più casual e rock. E’ forse il capo che più di tutti può adattarsi alle diverse forme: se abbiamo un bel punto vita, scegliamolo con la cinturina regolabile  in modo da sciancrarlo a nostro piacere.

8c65d29a6ede83ca26c33a4f362f71fe

24af7d1a22aa71c0d3463a65832acc19

Tutti questi elementi possono anche essere usati insieme, a patto di combinarli insieme a elementi più adatti an nostro fisico. Un esempio per la clessidra? Abito nero dal taglio anni ’50, camicia legata in vita, cuffia, stivaletti neri alla caviglia con un pochino di tacco per slanciare il polpaccio. No alle parigine (molto grunge ma difficilmente indossabili da una coscia “importante”), agli shorts di jeans e alle felpone oversize, che mortificano il punto vita.

E a voi, il soft grunge o il grunge piacciono? Li trovate adatti a voi? Oppure li odiate come la sottoscritta?

You Might Also Like...

24 Comments

  • Reply
    valentina | sweet kabocha
    Febbraio 25, 2015 at 5:54 pm

    *___* adoro questo stile! "fortunatamente" sono una rettangolo (non ho un punto vita e ho le gambe corte, che culo di rettangolo eh? 😛 ) e mi hai messo una gran voglia di parka adesso!! 😀

    • Reply
      Consigli x principianti
      Febbraio 25, 2015 at 6:38 pm

      Adoro i parka e approvo su tutta la linea!!

  • Reply
    Ari
    Febbraio 25, 2015 at 6:45 pm

    Penso che un altro capo adattabile a questo stile sia la gonna di (simil)pelle o tartan, ovviamente svasate per clessidre e pere 🙂 E magari potrebbe cercare abiti segnati in vita ma con fantasie o dettagli che richiamano il grunge! Io per esempio nel periodo in cui ogni tanto mi sollazzavo con Polivore avevo creato questo outfit (http://s23.postimg.org/qf730zsmj/Cattura5.jpg), che non è proprio soft grunge (British invece sì) ma credo potrebbe avvicinarsi al gusto di Claudia.

  • Reply
    Lilit
    Febbraio 25, 2015 at 6:45 pm

    allora, il grunge è stato lo stile dei miei vent'anni, una delle poche mode che ho seguito, anche perchè non mi costava grandi sforzi seguirla, tanto la sentivo adatta a me. sul fatto che fosse mortificante ci sarebbe da parlarne… si tenga presente che si usciva dagli anni 80: la Milano da bere, i paninari, i moncler a tinte acide, i pantaloni acqua alta stretti e corti sopra la caviglia, le Superga senza calze d'estate e le Timberland d'inverno… per le culone come me l'arrivo dei pantaloni bootcut e delle magliette aderenti fu una specie di liberazione, inoltre per chi non amava i colorini caramellosi ecco finalmente tinte un po' meno gnègnè, e soprattutto il NERO (negli anni 80 solo i becchini e i dark, che erano molto rari, si vestivano di nero) che divenne immediatamente il mio colore preferito… così vestita non sarò stata maestra di elegnanza, e forse un po' sciatta, ma cacchio, mi vedevo dimagrita di 10 kg tutto in un colpo!
    insomma, io gli anni 90 e il grunge li ricordo sempre come un periodo tutto sommato felice 😉

    • Reply
      Consigli x principianti
      Febbraio 26, 2015 at 3:07 pm

      Ma con grunge io intendo proprio pantaloni informi, felpa informe, bomber informe: credo non donasse neanche a te! Oppure tu avevi dei trucchetti per adattarlo a te? 🙂

      • Reply
        Lilit
        Febbraio 26, 2015 at 3:46 pm

        a quel tempo non me ne preoccupavo troppo, poi mi consideravo una ragazza ribelle e anticonformista, e questo mi vietava di pormi troppe domande riguardo ad argomenti "frivoli" come vestiti e trucco. ma gradualmente ho cominciato anch'io a pormi problemi di questo tipo. per esempio i pantaloni troppo larghi e informi li evitavo, mi piacevano poco. meglio quelli dritti a tubo (che porto tuttora), e magari a vita non troppo alta (ovvero un po' sotto l'ombelico: nei primi anni 90 la vita si usava altissima!). i miei preferiti erano i levi's 501 lady (un modello che poi non hanno fatto più, quelli da uomo non mi donavano).

        a quel tempo pensavo (come molte) che il culone dovesse essere celato alla vista del prossimo, e le camicie a scacchi oversize mi sembravano un buon sistema. poi però a un certo punto cominciarono a vedersi magliette di taglio sfiancato, e anche qualche maglioncino un po' aderente, e mi accorsi che era tutta un'altra storia.

        non usavo il bomber ma una specie di parka color granata con la coulisse in vita, o più avanti un giubbotto in pelle invecchiata color marrone (non il chiodo, ahimè) che arrivava all'altezza delle anche, e non infagottava troppo.

        gli anfibi poi erano comodissimi, e anche necessari, visto che studiavo a Venezia e le giornate di acqua alta erano piuttosto frequenti.

        vestiti e gonne non ne usavo perchè non c'erano in giro scarpe comode da abbinarci.
        però avevo una gonnellina corta a trapezio in velluto nero coi bottoncini davanti, che era spiaccicata a quella que ho visto quest'anno sul catalogo di Mango: https://a.disquscdn.com/get?url=https%3A%2F%2Fs-media-cache-ak0.pinimg.com%2F736x%2F94%2F70%2Fa3%2F9470a3ed8f92836fbfea5ae558555880.jpg&key=3_3Jxm1JlvCsXXIYrjqTXw&w=800&h=1029
        ce l'ho ancora, mi sta benissimo (segno che era un "capo amico", visto che ora ho una decina di chili in più), e ora finalmente posso metterla con gli stivali!
        (piccola riflessione: l'avevo pagata 25.000 lire… quella di Mango costa 50 euro… e sì che Mango si considera low cost…)

        • Reply
          Ale
          Febbraio 26, 2015 at 10:10 pm

          Quella gonna ce l'avevo anchi'io (marrone) e l'adoravo. Io però non ce l'ho più (verso i 30 anni ho buttato tutte le mini …) .
          Io più del grunge ho adorato lo stile della metà degli anni '90, che era un po' un revival dei '70: magliette striminzitissime con minigonne tartan a trapezio. Poi sopra la maglietta striminzita a volte ci mettevo la camicia a quadrettoni di mio fratello … Poi vestita così ci andavo a pogare (che bei ricordi).

          • Consigli x principianti
            Marzo 2, 2015 at 3:43 pm

            Ahahaha questo stile probabilmente piace così tanto perchè ci ricorda il nostro passato adolescenziale! Motivo per cui magari è così odiato da qualcuna!

  • Reply
    Lulli
    Febbraio 25, 2015 at 8:10 pm

    Ho adorato il grunge, lo adoro tutt'ora. Da giovane ero magra magra e senza forme, ma non mi infagottavo ,la camicia legata in vita, l'anfibio il jeans stracciato e poi il maglione o la maglietta tagliato e stracciato che scopriva la vita… oppure tagliavoa pezzi i vestitini( tipo little black dress) e li ricomponevo usando gli aghi di sicurezza. Insomma usavo la fantasia. Ora che di anni ne ho trentotto indulgo ancora nel particolare rockkeggiante o punk o grunge, perchè è proprio il mio stile, che non mi ha mai impedito di essere elegante e femminile quando serve o addirttura formale, con un tocco di follia….

    • Reply
      Consigli x principianti
      Febbraio 26, 2015 at 3:08 pm

      Brava, così si fa!

  • Reply
    Deborah
    Febbraio 26, 2015 at 6:39 pm

    A dir il vero a me piace molto come stile!! Ovviamente devo declinarlo in chiave clessidra lol Credo che alla fine qualsiasi tendenza possa adattarsi al nostro corpo se la reinterpretiamo! Grazie all'aiuto di Sara, ovviamente 😀
    Personalmente passo da una tendenza all'altra , a seconda del mio umore…siamo fatte di tante sfaccettature ed i nostri vestiti devono sapersi adeguare!

  • Reply
    Sarah
    Febbraio 26, 2015 at 9:29 pm

    il bomber, che a parer mio è il capospalla più orribile mai concepito dalla mente umana…..sottoscrivo ogni parola!!!!! io neanche i piumini riesco a digerire……
    riguardo al grunge non è uno stile che mi fa impazzire, mi sembra più adatto alle giovanissime….mia sorella lo adotta, anche lei come la ragazza della mail, clessidra formosa niente affatto minuta ( al contrario di me, formosa ma minuta ), ma essendo giovane sta sfruttando direttamente il ritorno degli anni 90, così si è evitata il peggio…la camicia tartan con un pantalone skinny nero e la pelle diafana con l'eyeliner….il risultato non è male, ma è sicuramente uno stile che richiede attenzione ai particolari ( la camicia non informe, le mani con smalto nero sempre curate,ecc….) per non cadere nella "sciatteria"

    • Reply
      Consigli x principianti
      Marzo 2, 2015 at 3:42 pm

      Eh già, purtroppo è un attimo sembrare sciatte… come tutti i look un po' maschili, è necessaria un'attenzione in più!

      • Reply
        francesca
        Marzo 3, 2015 at 12:24 pm

        Neanche a me fa impazzire questo stile e uno dei motivi (a parte il fatto che non sono piu' giovanissima) è proprio la necessità di curare molto i dettagli.
        Lo ammetto: sono una donna pigra!
        I dettagli li curo solo quando sono in vena 🙂

        • Reply
          Consigli x principianti
          Marzo 3, 2015 at 2:38 pm

          Parafrasando un noto film… Non è uno stile per persone pigre 😉

  • Reply
    Vittoria
    Febbraio 28, 2015 at 2:20 pm

    Sara!! Ora ho la risposta definitiva al perchè mi sei così simpatica: i capelli ricci!!! Grande empatia a distanza da un'altra riccio-munita scontenta! 🙂 Il blog mi piace tantissimo! Complimenti per tutto il tuo lavoro!!!

    • Reply
      Consigli x principianti
      Marzo 2, 2015 at 3:44 pm

      E' l'empatia dei ricci! M sai che anche il mio ragazzo mi dice sempre che quando mi liscio sembro meno simpatica?! Così, a pelle proprio!

  • Reply
    Anna
    Febbraio 28, 2015 at 8:11 pm

    Non è il mio stile, mi piace solo il parka… invece il bomber lo detesto e pure il piumino!

    • Reply
      Consigli x principianti
      Marzo 2, 2015 at 3:44 pm

      Concordo! Amore sconfinato per il parka, il bomber, brrr…..

  • Reply
    maireith
    Marzo 2, 2015 at 6:19 pm

    odio su tutta la linea….l'unica cosa che apprezzo è lo smalto nero…per il resto…..non fa proprio per me…

  • Reply
    Viviana Danieli
    Novembre 25, 2015 at 5:58 pm

    Uh quanti ricordi 😀 Allora io ero adolescente quando andava il grunge ed ero magrissima e senza forme (che poi invece sono uscite a mo' di pin up :-D)!!! E invidiavo le ragazze con le forme che le mascheravano con le camicie di flanella….ahahahah non mi rendevo proprio conto della fortuna che avevo! Comunque, ecco, non è uno stile elegante e lo trovo adatto alle ragazze giovani o molto giovani, però non mi dispiace e alcune volte ne provo nostalgia. Direi che il consiglio di legare in vita la camicia è perfetto, poi sei alta e questo è un punto a favore. Lei è la ragazza che trovo più d'ispirazione per il grunge: https://www.instagram.com/deaddsouls/

  • Reply
    Valerye Searose
    Novembre 25, 2015 at 8:35 pm

    bel post!! utilissimo! anche perchè io ultimamente adoro lo stile grunge. Lo so è poco femminile, ma a me piace per questo, rispecchia una parte di me, e poi io ho gia un viso molto delicato (cioe da bambina haha) e sono magra e non molto alta, quindi lo stile troppo femminile va a finire che dimostro meno anni di quelli che ho o che do un'impressione di me un po' da bambolina (mi succede in continuazione). E invece lo stile grunge mi fa piu grande e meno bambolina, e poi mi piace il fatto che se un giorno non sono di buon umore e non mi va di vestirmi carina e femminile scelgo lo stile grunge, così che rispecchi il mio umore.

    Comunque volevo chiederti, che differenza c'è tra lo stile grunge e lo stile soft grunge?

    E anche se puoi scrivere un post su come indossare le parigine e dove si possono trovare e a quali forme del corpo stanno bene 🙂

    Grazie e adoro il tuo blog!

    http://notfashionable.valeryesearose.com/category/how-to-style/

Rispondi a Consigli x principianti Cancel Reply