Mela

Come abbinare… pencil skirt stampata

Maggio 24, 2015

[testimonial author=”Laura”]5039412017_2_2_1Ciao Sara, qualche giorno fa ho fatto un giro da Zara e sono rimasta folgorata da queste gonne in jacquard supercolorate e a fantasia. Non so se sono a tubo o a matita, comunque sono in materiale spesso ma elasticizzato, quindi piuttosto aderenti. Travolta dall’euforia da colore (che mi colpisce sempre al cambio stagione), ho provato quella con i quadri dentro i cerchietti (sempre il sito dice colore blu/bianco) e mi sono stupita per come mi cadeva. Sono una mela a 8 non alta (165 cm) e sovrabbondante (70 kg),  distribuiti in prevalenza su pancia e maniglie e seno quasi piatto, quindi non ero proprio sicurissima dell’effetto; invece, indossandola con la vita alta e con la mia maglietta lunga fuori dal bordo, non mi dispiaceva. Ho pensato di aver finalmente trovato una gonna che mi doni, perchè le gonne sono davvero il mio cruccio: mi fanno sembrare un tronco, mi danno fastidio sulle maniglie, tendono a salirmi se le porto poco sotto l’ombelico o a scendermi se le porto a vita bassa; se sono a metà coscia non fanno più per me (le mie gambe non sono più da ventenne anche se sono la parte più “sottile” del mio corpo, si fa per dire), ma se sono lunghe fino a terra mi pare che mi intozziscano. Quindi le ho abolite da tempo, però in estate ne sento la mancanza…e questa mi sembrava quasi “magica” perchè conteneva le maniglie e la pancia e allo stesso tempo non mi ingrossava troppo le gambe pur coprendole fino al ginocchio. Ti volevo chiedere, prima di fare l’acquisto, come si potrebbe abbinare una gonna simile, tenendo conto che io non potrei assolutamente portare quei top corti che si vedono sulle modelle del sito (e nel negozio, appesi accanto alle suddette gonne), perchè sembrerei una donna incinta; inoltre dovrei considerare anche che i tacchi li porto solo nelle Grandi Occasioni. Insomma, cosa mettere sopra a quella gonna e, soprattutto, sotto? Va bene una gonna così con i sandali piatti? In quali occasioni potrei indossarla? Al mare? In città? Aperitivo? Serata? E infine: rischio di sembrare ridicola, dato che ormai vado per i 38 e, secondo alcune mie coetanee, bisognerebbe vestirsi in maniera più sobria e meno appariscente? Ciao e grazie per l’attenzione[/testimonial]

Quando, qualche stagione fa, hanno fatto la loro comparsa nelle vetrine e sugli scaffali di Zara i pantaloni e le gonne stampate ho storto il naso; certo, si vedevano le stampe più disparate e di dubbio gusto, questa può essere la mia maggiore attenuante. Davanti al trend dell’ananas e del broccato, sinceramente, avreste storto il naso anche voi! Poi pian piano ho finito per apprezzare il tutto un po’ di più fino ad approdare alla ben nota fase “Necessito Di Pantaloni Dritti in Seta o Simil-Seta Stampati Perché Altrimenti Non Ho Niente Da Mettermi”, abbondantemente studiata dalla psichiatria in relazione soprattutto all’acquisto compulsivo ad ogni cambio di stagione. Quando arrivi a questa fase inizi a pensare che TUTTI i tuoi capi acquistati dalla terza superiore ad oggi non hanno alcun senso SENZA pantaloni stampati; che una semplice t-shirt bianca in cotone sarebbe fighissima SOLO CON i pantaloni stampati; che per andare ad un aperitivo estivo, per entrare in ufficio, per uscire a fare un giro di shopping pomeridiano SOLO i pantaloni stampati siano SEMPRE perfetti; che, in sostanza, come diavaolo hai fatto a vivere un secondo senza pantaloni stampati?! Risolvere questo dilemma è pressoché impossibile nel momento in cui apri pagine e pagine dei tuoi blog preferiti e vedi pantaloni stampati addosso a tutte; e se Hedvig li porta e anche tu li porti sicuramente diventerai figa come lei 24/7, nessun dubbio proprio.

Ecco, sono nel trip dei pantaloni stampati; ne ho già un paio di Sandro Ferrone che riceve un miliardo di complimenti anche con una semplice t-shirt bianca e questo mi galvanizza a tal punto che temo non mi fermerò più, almeno fino a che non avrò riempito il mio guardaroba primaverile-autunnale di pantaloni a sigaretta stampati. Questo è decisamente il trip migliore dell’ultimo periodo, e anche il più sano; non vi dico come ne sono uscita dal trip dei Crocs PERCHE’ LI AVEVA KATE MOSS. Con un paio di Crocs, appunto. Grazie, Kate. Ti odio, Kate.

La stampa è una grande invenzione, il suo ritorno è cosa gradita; ma attenzione che c’è sempre il fattore-divano-della-nonna che non va mai sottovalutato. Perchè è vero che la stampa ha la capacità di rendere rilassato un capo molto sobrio (il che è un toccasana per tutte le riunioni, le serate con gli amici, le scampagnate, se siete gente come me un po’ votata al classico ma avete un’indole non proprio da Regina Madre) e attirare l’attenzione in modo mai chiassoso su una certa parte del corpo (il torso, per le pere; le gambe, per le mele); ma c’è pur sempre stampa e stampa. Io di norma consiglio anche a clienti viste dal vivo di evitare stampe troppo grosse se si è passati i 40, perchè trovo che invecchino; meglio una sobria trama piccolina e fitta, discreta e mai volgare. Questo tipo di stampa si può abbinare ad esempio a un paio di pantaloni monocromi neri o a una blusa bianca semplicissima e l’effetto sarà sempre e comunque ordinato. La stampa grossa abbisogna di un intero post a parte, ma in linea generale evitiamo il fiorato 1:1, il giga-tartan, il finto pagina-di-New-York-Times (ossia Il Male Assoluto), il broccatino vellutino simil carta da parati triste anni ’70, l’optical se l’abito è in acrilico ignifugo (che nulla richiama più Hao Mai e la bancarella dei parei lungomare quanto un vestito in acrilico con stampa optical… magari con una ciabatta in sughero e dalla fibbia gioiello). Se proprio amate le stampe grandi, che siano grandi davvero, quasi fuori proporzione; non finirò mai di adorare per esempio le gonne e i pantaloni di Marimekko per Banana Repubblic… Ovviamente esauriti molto prima che io potessi cliccare di “acquista”.

2008e1496a59879d31d75ee7b7af11d9

Abbiamo già parlato di come abbinare le stampe (di quale colore abbinarvi in particolare) e anche delle gonne miti e anche dei pantaloni a sigaretta. Mi sembrava però giusto ricordare l’esistenza di questi capi per chi, come le mele e le rettangolo e le triangolo invertito, si ritrova con gambe da merlo a volte in proporzione ad una parte alta più piena: sia le gonne midi sia i pantaloni, se stampati, attirano molto lo sguardo sulla parte più magra, allargandola visivamente e riequilibrandola. Oltretutto, si tratta di un capo proprio molto presente nella moda di questi ultimi anni, per cui approfittiamone!

Per quanto riguarda il capo in questione, direi che è meglio evitare l’abbinamento con altri pezzi troppo vistosi e preziosi; puntiamo piuttosto sulla semplicità, perchè l’effetto Maria Antonietta potrebbe essere dietro l’angolo. Bella infatti l’idea della stampa su stampa, ma è un po’ troppo da fotografia da blogger che da vita vera. Preferiamo quindi di gran lunga una semplice blusa monocroma insieme alla stampa per poi sbizzarrirci magari negli accessori: colorati, a contrasto, nerissimi se la blusa è chiara, boho e sandali piatti se i pantaloni sono vicini alla trama dei foulard vecchio stile, rigorosi se la stampa è maxi. Quanto alla gonna midi, perchè dire che “alla mia età” non posso permettermela?! Se c’è un capo che è più portabile dopo i 30 che prima, questo è proprio la gonna midi! Attenzione soltanto alla trappola del look da professoressa di liceo cattiva: no alle scarpe piatte, sì al tacco ma non quadrato, sì alla mezza manica, sì anche alla t-shirt stampata, se l’outfit è da tempo libero. Le rettangolo possono tranquillamente puntare su crop top e maglie dritte, ben infilate nella cintura della gonna e dei pantaloni; le mele e le mele a 8, invece, meglio che non mostrino troppo l’assenza del punto vita e preferiscano bluse sciancrate; le triangolo invertito, se il seno è molto, possono invece optare per una maglia dal taglio impero, se il seno è poco invece possono ricorrere al trucchetto del peplum di cui abbiamo già parlato. Se la parte alta va “snellita” visivamente, meglio un colore scuro; se invece parte alta e bassa sono ben proporzionate, va benissimo anche un tono su tono o un colore più chiaro.

pencil32
pencil07
0b11b486a082d70645ae138229cdafad
pencil10
10bbe91a3627d02a13521632ca939d0e

b05db5b5c2343c73b4053a0d7111d375
3190ccdec653b6ef6675be7dade56dfb
e83bf47677b97e44713f74d6ddf1b193
03ec8b20008b0078967f33abf3982c07
f45a8c6edac7c1640c2c72a54b87e1e6

Ah, no ovviamente alle scarpe da ginnastica. Io capisco che la moda abbia imposto per anni scomodità e calli ai mignoli e che le fashion victim siano quindi stregate dal ritorno delle stansmith tanto da metterle anche con l’abito lungo da tappeto rosso. Capisco, allo stesso modo, che però a tutto c’è un limite!

E voi che ne dite? Avete anche voi dei trip? Vi piacciono le stampe?

11 Comments

  • Reply
    Arianna Teseo
    Maggio 24, 2015 at 8:56 pm

    Triangolo invertito a rapporto. Gonna di Zara aderente con piccola stampa comprata ieri. Abbinata a blusa di jersey morbida con piccolo fiocco. Trovo il tutto armonioso e per nulla non adatto ad una signora della mia età. Sono nata nel 1958 e confesso che spesso prima di dire la mia età ci devo pensare un attimo. Mi piace davvero tanto questo blog. Mi ha dato tanti spunti e suggerimenti; la mia ricerca della sobrietà unita a quel certo particolare che mi fa contraddistinguere, non finirà mai. Grazie.!

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Maggio 24, 2015 at 11:02 pm

      Ma grazie a te dei complimenti! Sono assolutamente convinta che questo tipo di gonna sia molto adatta alle donne "non più ventenni", anzi, rende loro proprio giustizia 🙂 Continua la tua ricerca, mi sembra proprio un'ottima ricerca!

  • Reply
    Cristina Quattrone
    Maggio 25, 2015 at 9:34 am

    che bella la gonna a tubo a pois piccoli nella foto (Cristina la traduttrice)

  • Reply
    Nura
    Maggio 25, 2015 at 11:35 am

    Io sono una clessidra abbondante (molto abbondante, una real plus size) e uso questo tipo di gonne SEMPRE, d'inverno con stivali e una maglietta semplice con un maglioncino abbottonato sopra, e d'estate con una blusa e sandali bassi (sono alta quindi non mi pongo troppo il problema), e sono la mia divisa da lavoro: femminile, appropriata ma non noiosa! ma ammetto che almeno un gioiello particolare lo abbino, che sia collana o orecchini, per dare un tocco di attenzione anche alla parte alta del corpo. Io preferisco questo tipo di gonna piuttosto che altri modelli piu' svasati, sembra che ingrossino ancora di più!
    Cmq seguo sia te che Anna da un po' ma non commento quasi mai, occasione giusta per ringraziarvi dei preziosi consigli 🙂

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Maggio 26, 2015 at 5:52 pm

      Come detto poco sopra, questa gonna sta bene anche alle clessidre, ma ovviamente su di loro (voi!) ha un effetto più sensuale e romantico che su mele e rettangolo e triangolo invertito, per questo non vi ho incluse nel post 😉

  • Reply
    Francesca
    Maggio 25, 2015 at 3:54 pm

    Bello, bello, bello!!! Mi piacciono le stampe ed è un po' che vorrei acquistare una gonna a matita stampata (da brava triangolo invertito).
    E grazie per i suggerimenti per gli abbinamenti, perchè anch'io avevo dei dubbi e delle remore in proposito.
    Anche secondo me è un bel modello di gonna, molto femminile e che rende giustizia alle nostre curve perchè le sottolinea senza enfatizzarle troppo.
    I pantaloni a sigaretta stampati per l'autunno/inverno sono il mio prox must!!!

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Maggio 26, 2015 at 5:47 pm

      E' un tipo di gonna che secondo me sta bene anche a chi ha le curve, però su di loro ha un effetto leggermente diverso e dunque non le ho incluse nel post: ovviamente è più adatta a una clessidra romantica 😉

  • Reply
    Lisa TasteAndShoes
    Maggio 26, 2015 at 2:02 am

    Post molto interessante! Dopo tante stagioni con le gonne ampie di varie tipologie e variazioni al tema, un grande classico!
    Devo ammettere che con qualche modello ci litigo, non mi rimane fermo! Temo sia perché generalmente la misura mi è giusta di fianchi ma un po' abbondante in vita e quindi tende a scivolare, specialmente quando mi siedo o mi alzo in piedi! Ma comunque non ci rinuncio! 🙂

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Maggio 26, 2015 at 5:44 pm

      E' un modello ostico, sopratutto se dal tessuto non elasticizzato! ma una sottoveste dovrebbe ovviare al problema, soprattutto nella parte bassa.

  • Reply
    Lisa TasteAndShoes
    Maggio 26, 2015 at 2:10 am

    Ciao! Se posso consigliarti, prova una lunghezza ginocchio / appena sopra al ginocchio! Anche io sono un formato mignon e secondo me quella è lunghezza ideale per le gonne! Lasciare la piega del ginocchio scoperta ed avere il tessuto che finisce all'inizio della coscia è il giusto compromesso per non sembrare una nanetta! 🙂

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Maggio 26, 2015 at 5:53 pm

      Concordo, prova a portarla sopra il ginocchio e con un minimo di tacco!

Leave a Reply