armocromia

Guardaroba base e armocromia: Inverno Profondo Soft

Ottobre 19, 2015

La cosa che meno mi attrae dell’armocromia, sarà sincera, è il dibattito/litigio che ogni tanto si accende tra armocromiste; c’è gente che litiga e insulta perchè una ragazza ha una tonalità di rossetto sbagliata (googlare per credere…), triste verità di una selva oscura in cui l’armonia sembra dispersa! Ma perchè succede? Ce lo domandavamo giusto qualche giorno fa io Lara e Anna. Una vera motivazione non c’è, a meno di non chiamare in campo strani giochi complottisti: quelli della MAC mettono nei loro rossetti una spora tossica che aumenta l’irascibilità ogni volta che si vede una palette da 40 colori!
Una delle stagioni maggiormente contese (googlare per credere…) è proprio questa: l’inverno profondo soft. Come mai? Bè, perchè è una stagione difficile e a sé rispetto all’inverno profondo, la sua sorella maggiore che tutte considerano bella, luminosa, sensuale, magnetica e femminile. E la povera inverno profondo soft invece appare come la “brutta copia” a chi si trova la diagnosi pronta. In verità noi sappiamo che non esistono stagioni o forme del corpo belle o brutte, semplicemente l’impatto che queste hanno sugli altri modifica un po’ quello che noi pensiamo di noi stesse: e quello che pensa una IPS è “ma perchè non posso essere semplicemente una IP?!”. Dunque vengono tacciate di invidia (googlare per credere…), viene detto loro che rosicano perchè non sono IP e questo va ad aumentare un divario estetico che, a parer mio, manco dovrebbe esistere. Perchè mettere a confronto due stagioni così diverse? Ok, condividono il nome, ma non sono affatto simili. Anzi, metterle a confronto sminuisce la particolarità delle donne IPS che hanno un’atmosfera completamente diversa che le avvolge. E quindi io vorrei restituire loro l’importanza che meritano, per questo ho chiesto a Lara di dedicarvi un post a parte (cosa che non abbiamo fatto con le altre stagioni Profonde Soft, che si discostano molto meno dalla loro stagione profonda di riferimento). Ecco cosa ne è uscito. Buona lettura!

Passiamo ora alla stagione più bistrattata di tutte, l’inverno profondo soft, che per molto tempo è
stato presentato come una sorta di inverno di serie b… Voglio sfatare questa cosa! La dominante di questa stagione è PROFONDITA’ SOFT. Quindi come per l’inverno profondo classico, la prima caratteristica da ricercare in un colore è che sia profondo, ricco, saturo. Qui per soft si intende semplicemente che il croma è un pochino più basso di quello dell’inverno profondo. Un inverno profondo soft NON è un’estate soft profonda un po’ più intensa. No, è un inverno a tutti gli effetti!
8882881 Mirror Mirror Premiere held at The Grauman's Chinese Theatre in Hollywood, California on March 17th, 2012. Lily Collins  FameFlynet, Inc. - Santa Monica, CA, USA - +1 (818) 307-4813
c7a62eb4f91eefedde6124867741f3de
I colori che devi assolutamente evitare sono i colori pastello, quelli troppo slavati, ingrigiti, polverosi, ti spengono. Così come i colori caldi ti rendono giallina. Sta attenta anche ai colori troppo accesi. Il
tuo croma è medio, quindi i colori “neon” non fanno per te. Il tuo livello di contrasto è medio, quindi sarai maggiormente valorizzata se abbinerai tra di loro colori scuri con colori medio chiari, tipo una giacca blu scuro e una canotta di un tuo rosa. Si dice che il nero sia prerogativa degli inverni ma che l’inverno profondo soft ne sia escluso. Personalmente non sono d’accordo con questa storia.
Il nero si può indossare, solo magari evitate il total black, usatelo a blocchi. Oppure con tessuti leggeri, trasparenti, come il tulle, oppure ancora usate un nero “slavato”.
Stesso discorso per il bianco. Anche se è preferibile un off-white, potete usarlo a piccoli blocchi. Non esiste che una siccome è inverno profondo soft si sposi vestita di grigio perché quello è il suo
bianco. Ovviamente questa è la mia scuola di pensiero e altre analiste possono dissentire liberamente!
Per quanto riguarda il trucco, sugli occhi preferite antracite, grigio carbone, i vari grigi della palette, marroni freddi, prugna, blu navy, champagne, pino. Sulle labbra i berry soft, i borgogna soft, i rossi a base blu smorzati e i rosa scuri. Parlando invece dei capelli, vale lo stesso discorso dell’inverno profondo: non schiariteli! Siete profonde! Evitate però anche di sovraccaricarvi scurendoli, perchè avete una componente soft. Giocate piuttosto con dei riflessi, rigorosamente freddi.
Vip inverno profondo soft sono Lily Collins, Juliette Lewis, Bridget Moynahan.

ipspal

 

Da completa neofita dell’armocromia, le inverno profondo soft mi rievocano atmosfere invernali, ma con una componente sof..isticata. Eh sì, a me il “soft” di questa stagione non ricorda lo slavato o lo smoky, non ricorda l’indefinizione che molte le imputano; a me quest’inverno pare il più sofisticato degli inverni. Ha una componente smorzata che “spegne” il magnetismo sensuale delle inverno profondo, rendendo però la sua bellezza non smorzata, ma più sofisticata; se l’inverno profondo è la donna vittoriana, un po’ dark, un po’ vampira, la donna inverno profondo soft è il lato “non oscuro” della bellezza invernale, la “strega buona”. E’ meno magnetica, è vero, ma è più posata; la sua sensualità non è estrema ma misurata. La sua softness la rende anche più sbarazzina e simpatica, meno algida e più “ragazza della porta accanto”. Un’immagine che secondo me ben la rappresenta è questa, il lato buono e rassicurante e ladylike del bianco e nero:

9dbea4c01d5aad3864ea397fbc08ca8c

 

Cosa accade se una donna IPS pensa di utilizzare la palette della donna IP? Bè, come sempre, non cascano i grattacieli e non arrivano i 4 cavalieri dell’apocalisse. Però qualcosa del suo fascino sofisticato si perde e la sovrastano i colori che invece si armonizzano benissimo nella sua sorella maggiore, la IP. Ecco due immagini esplicative che secondo me ben centrano la questione; questa è sempre Lily Collins, la ragazzina che ho messo anche qui sopra. La vediamo, nelle immagini, bella, armoniosa, soft ed elegante; ma cosa succede se indossa abiti e trucco tipici delle IP? Il suo equilibrio elegante e giovane si perde, qualcosa si incrina. Non è un “disastro” come la povera Julia Roberts bionda, ma capiamo subito che… è troppo, per lei. Le labbra sono di un colore decisamente sovrastante, almeno per lei; la sua bocca spicca troppo sul viso e l’accoppiata bianco-nero-rosso (perfetta per una IP) sembrano sovrastarla. L’equilibrio si incrina e tutto diventa troppo, semplicemente troppo. Non saprei davvero in che altro modo dirlo! Il contrasto tra la carnagione, gli occhi e le labbra è elevatissimo, e lei invece dovrebbe puntare su un contrasto medio: il risultato è che il trucco di vede eccome, non c’è nulla di armonioso né naturale.

edffee95ebc37f69d4040ecae698d23f

Ed ora che abbiamo chiarito un po’ le idee riguardo alla palette IPS, vediamo un po’ il suo guardaroba. Dato che le si addice di più un contrasto medio, al contrario dell’IP che invece è illuminato dai contrasti netti, è meglio che il suo armadio abbia come colore base il grigio che crea con tutti i colori della sua palette un contrasto di questo tipo. Dunque il grigio scuro può essere accostato sia ai colori più chiari sia a quelli più scuri della sua palette. Come colore base, invece, il nero si accorda bene con i colori più scuri della palette, creando con loro un contrasto medio; per ottenere invece un contrasto medio-netto preferire i colori più neutri della palette, accostati al nero (tortora freddo, grigio medio-chiaro, etc…). Per questa ragione, eviterei il bianco, come colore base, perchè per la maggior parte dei colori della palette IPS creerebbe un contrasto effettivamente troppo elevato. Dunque: contrasto medio, colori profondi e tocchi di rosso acceso, bianco ghiaccio e nero preferibilmente lontani dal viso. Per creare il grigio, un’ottima idea è scegliere una trama a fantasia bianca e nera fitta (righe, pois, quadri, etc…): un modo per avere nell’armadio i tuoi colori preferiti senza “cadere” nella palette IP.

Schermata 2015-10-19 a 18.20.36 Schermata 2015-10-19 a 18.52.12

Chi di voi è una IPS? Qualcuna di voi si sente “sfortunata” o invece apprezza pienamente le bellezze di questa stagione?!

71 Comments

  • Reply
    Valentina Kokoro Favara
    Ottobre 19, 2015 at 7:55 pm

    ciao! io sono stata analizzata da Lara e sono risultata ips. la cosa mi piace e mi ha dato modo di approfondire il mio rapporto con i colori, ho imparato a valorizzarmi maggiormente nel makeup e anche nella scelta dell'abbigliamento. Se un colore mi piace moltissimo e non stacca eccessivamente dalla mia palette, lo utilizzo. non è stato un grande problema adattarmi ma mi sento assolutamente libera di entrare in sinergia con un colore anche molto distante dalla mia palette ed utilizzarlo se mi piace! grazie per questo post 😀

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Ottobre 19, 2015 at 9:06 pm

      Brava brava brava! Questo è il senso dell'armocromia!!

  • Reply
    Zombee
    Ottobre 19, 2015 at 8:04 pm

    Io non ne capisco nulla di armocromia se non quel che ho letto qui e sul blog di Lara, ma posso dire che a me Lily Collins con quel trucco sembra bellissima? E' molto bella anche con il trucco "adatto" a lei, ma secondo me è molto sensuale e sbarazzina anche con quel bellissimo rossetto intenso, sembra Biancaneve!!

    • Reply
      Anna
      Ottobre 19, 2015 at 8:30 pm

      Devo dire che io ne capisco meno di tutte (in 40 anni di vita mai truccata!) però la differenza tra le due foto mi sembra solo una differenza tra un trucco più semplice e sbarazzino (sembra una ragazza francese vista anche la maglietta a righe) e un trucco più da vamp… sì, sembra più pallida ma non trovo non le doni… certo io sono l'ultima a poter dare giudizi! 🙂 Invece la Roberts bionda è, in effetti, un pochino "slavata", così come la Barrymore coi colori freddi.

      • Reply
        Sara Consigli X Principianti
        Ottobre 19, 2015 at 9:06 pm

        Infatti, volevo semplicemente dimostrare come le palette IPS e IP siano vicinissime ma la seconda, su una donna IPS, risulti un po' troppo marcata e artefatta, insomma, nessun disastro, ma la naturalezza è ben altro 🙂

        • Reply
          Lilit
          Ottobre 20, 2015 at 9:11 am

          credo sarebbe stata molto peggio vestita in beige o in colori pastello, oppure con un rossetto rosso-arancio.

          • Lilit
            Ottobre 20, 2015 at 4:57 pm

            comunque la mia "gemella di stagione" è PJ Harvey, una che è
            quasi impossibile trovare in una versione "armocromatica". e infatti ha
            sempre l'aria un po' sfatta (soprattutto col bianco e nero)… che però
            le dà un'aura da rockstar decadente che a me non dispiace affatto. per chi non fa la rockstar di professione però la cosa non funziona allo stesso modo.

          • Sara
            Ottobre 20, 2015 at 8:40 pm

            Perdonami se sto per distruggere il castello di carte che si è creato attorno alla figura di PJ Harvey creduta da tanti IPS ma lei non è un IPS, piuttosto, dalle foto che ho visto, sembra essere una primavera brillante (la più fredda delle primavere che spesse volte viene confusa con un inverno). Guarda qui sotto: l'arancione lo regge benissimo, il rosso che le sta divinamente è proprio un rosso da primavera brillante mentre con il rosso più scuro tipico dell'IPS sembra che stia per affrontare un'autopsia! Di sicuro, secondo me, la sua analisi è da rivalutare in toto.

    • Reply
      Lilit
      Ottobre 19, 2015 at 8:46 pm

      bè, in realtà anche a me non dispiace. ma è un look che ha un che di artefatto, la vedi e pensi subito: si è truccata un sacco, mentre una donna inverno profondo sembrerebbe con lo stesso trucco molto più naturale. c'è da dire che anche il look "artefatto" ha il suo perchè, se si vuol ottenere un certo tipo di effetto. la "bellezza armocromatica" infatti è solo un "modo" di essere belle, non l'unico.

      • Reply
        Sara Consigli X Principianti
        Ottobre 19, 2015 at 9:05 pm

        Esatto! Non è che sia disastrosa come se fosse truccata con palette da Autunno, e lo dico nell'articolo: sembra solo un po' troppo e l'effetto non è armonico ma come se la truccatrice avesse calcato la mano. Per carità, nulla di male, ma se l'armocromia esalta la bellezza naturale e autentica, questo trucco di naturale ha ben poco. Se immagino truccata nello stesso modo la Bellucci, sarebbe paradossalmente molto più "naturale" che con un trucco nude!

  • Reply
    Lilit
    Ottobre 19, 2015 at 8:28 pm

    io sono stata inquadrata da Lara come Inverno profondo soft, ma già da tempo sospettavo di esserlo. a dirla tutta se avessi potuto scegliermi la stagione non avrei scelto questa. meglio l'Inverno profondo, con le sue atmosfere cupe e gotiche (io mi sono sempre considerata una specie di strega-guerriera), o addirittura l'inverno assoluto con la sua purezza glaciale… leggevo sì questa storia che le donne soft sono "sofisticate" e "delicate" e mi dicevo: che c'entra con me, che invece sono una selvaggia, e nel mio carattere non ho niente di delicato? poi questa storia che bisogna portare i colori dell'inverno come se fossero usciti da un lavaggio sbagliato proprio non mi andava giù.
    poi ho capito che, sofisticata o no, la direzione in cui dovevo andare era proprio quella… niente nero totale ma sempre con qualche tocco di colore. bianco solo a piccole dosi. rosso sì, ma fino a un certo punto.. meglio se in un tono un po' scuro… il grigio, anche se è un colore oggettivamente "brutto" mi donava particolarmente. la matita nera sfumata mi stava meglio di quella netta o dell'eyeliner. insomma, seppure lungi dal diventare uno "stile di vita" la mia stagione armocromatica poteva costituire una sorta di "linea guida"… e così la "strega" viene a compromessi col mondo reale.

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Ottobre 19, 2015 at 9:02 pm

      In effetti anche io ho avuto qualche "problema" quando ho scoperto la mia stagione, ne ho parlato diffusamente con Lara e Anna: l'EA è una stagione secondo me stupenda ma… delicatissima, fragile, basta un colore sbagliato e si trasforma in altro (spesso in "pallida-malata" o "giallo-itterica"); è una stagione facilissima da svilire e da questo a passare nell'anonimato dei capelli cenere e il colorito freddo, bè, è proprio questione di attimi. Molto meglio l'autunno, con la sua forza e la sua ricchezza di colore! Eppure Anna mi ha fatto notare "questa cosa che dici della bellezza fragile… è bellissima" e io non avevo mai pensato che la bellezza non deve sempre imporsi con la sua ricchezza e forza, non deve essere gridata né sovraesposta; esiste anche la bellezza non magnetica, ma fragile, e anche questa bellezza è una signora bellezza! Ecco, quello che penso della mia stagione lo penso anche dell'IPS 🙂 Siamo portatrici sane di una bellezza elegantissima, armonica e sussurrata. E se anche questo non corrisponde al nostro io, bè, tanto meglio! Adoro i contrasti 😉

      • Reply
        Cristina Quattrone
        Ottobre 20, 2015 at 9:47 am

        Anna ha detto bene secondo me; a costo di sembrare ripetitiva, questo concetto mi fa venire in mente quel genere di bellezza stile Audrey, che oggigiorno ahimè in pochi (specialmente uomini) riescono a captare, privilegiando magari, altri tipi di bellezze che "saltano subito all'occhio". Se ci pensi bene, Audrey hepburn non era appariscente, ma aveva magnetismo da vendere o almeno, a me ha sempre dato quest'impressione. Penso al film "Vacanze Romane", alla scena finale in cui lei guarda lui e mi vengono le lacrime agli occhi per l'intensità di quello sguardo così puro e delicato, che magari sembra fragile ma che è anche elegantissimo. Vabbè, si è capito che mi piace lei e anche il film :-p. E dire che pensavo che Gregory Peck avesse un debole per lei anche nella vita reale e invece voleva disperatamente Sofia Loren, che è proprio tutto l'opposto (e a cui somiglio fisicamente). Però, che strano avere un viso delicato (come Audrey), in un corpo da Sofia Loren (che tanto innocente non è :-p) (Cristina la traduttrice)

        • Reply
          ariel
          Ottobre 21, 2015 at 5:11 pm

          Forse sei quella tipologia Kibbe definita come Romantic Ingenue, cioè un corpo "curvoso" ma allo stesso tempo un volto e un'attitudine "ingenua" e giocosa, un po' alla Marylin per capirci

          • Cristina Quattrone
            Ottobre 21, 2015 at 5:32 pm

            Potrebbe essere, ma spesso capita che sia difficile farsi prendere sul serio se chi ti guarda si concentra solo sul fisico (Cristina la traduttrice)

          • ariel
            Ottobre 22, 2015 at 9:39 am

            Lascia che credano quello che gli pare, tanto ci sarà sempre qualcuno pronto a giudicarci o criticarci senza manco conoscerci….è seccante, ma alla fine ti permette anche di selezionare chi davvero merita, perchè te ne accorgi subito se qualcuno riesce ad andare oltre senza fermarsi alla superficie

          • Cristina Quattrone
            Ottobre 22, 2015 at 9:54 am

            Figurati, ormai quando vedo certe scene, dico direttamente "i miei occhi sono un pò più su" :-p (Cristina la traduttrice)

          • Lilit
            Ottobre 22, 2015 at 12:06 pm

            secondo me tu tendo ad angustiarti troppo quando gli uomini mostrano di apprezzare le tue doti da "maggiorata", forse perchè pensi che questo faccia passare in secondo piano le altre. se gli uomini ti guardano le tette lascia che facciano, vuol dire che le trovano belle, la maggior parte degli uomini trova le tette femminili una cosa piuttosto interessante, e non è necessariamente un male. lasciali guardare, ma da una certa distanza… e poi fai avvicinare solo quelli che dopo alzano un po' lo sguardo.

          • Cristina Quattrone
            Ottobre 22, 2015 at 12:25 pm

            più che altro, mi da fastidio e mi mette in imbarazzo. E non sempre coloro che le guardano, alzano poi lo sguardo (Cristina la traduttrice)

          • Lilit
            Ottobre 22, 2015 at 1:10 pm

            ovvio che non tutti lo fanno, ma qualcuno lo farà 😉
            e quelli che non lo fanno non è che le ragazze non poppute le guardino negli occhi: di solito non le guardano proprio.

          • Sara Consigli X Principianti
            Ottobre 22, 2015 at 6:31 pm

            Cioè… sono appena entrata nel tunnel armocromatico e adesso mi fate pure entrare in quello del Kibbe?! Sono VOLATA letteralmente a fare il test e il risultato mi rispecchia tantissimo: Soft Natural 😀

          • ariel
            Ottobre 22, 2015 at 7:20 pm

            Eh eh è davvero un tunnel ….chissà come mai ci piace così tanto rispecchiarci in tipologie o categorie, per quanto imprecise siano. E comunque siamo mezze parenti perché io sono estate soft e natural ☺

          • Lilit
            Ottobre 22, 2015 at 7:24 pm

            se devo essere sincera a ma questa teoria Kibbe più ne leggo e meno mi piace. queste categorie basate sulla fisiognomica così ferree, a cui corrispondono consigli di stile altrettanto ferrei (ti descrivono anche il tipo di calze e di mutande che dovresti portare) non mi convincono per niente.
            io non ho fatto il test (ci avevo provato ma mi ero persa a metà)… leggendo le varie descrizioni dovrei rientrare in qualche tipo di "classic"… categoria che non rispecchia per nulla i miei gusti e la mia personalità.

          • ariel
            Ottobre 22, 2015 at 10:24 pm

            E in effetti è un tunnel nel quale è meglio non entrare sennò per acquistare una maglia dovrei tenere conto di forma del corpo armocromia kibbe occasione d'uso….evabbe ci vuole poco a diventare pazzi! Però mi pare che anche con kibbe è successa la stessa cosa che con l'armocromia. Si è passati da poche categorie nette a quelle miste , quindi con tutte le sfumature del caso per adattarsi in modo meno rigido . Io credo che tutti questi "sistemi " siano utili solo quando trovi dei pezzi di te in alcune descrizioni che ti rendono più consapevole. Per il resto è anche bello giocare e improvvisare

          • Cristina Quattrone
            Ottobre 23, 2015 at 6:55 pm

            anch'io vorrei farlo :-); dove lo hai fatto? (Cristina la traduttrice)

          • Lilit
            Novembre 2, 2015 at 6:27 pm

            Cristina, il test lo trovi su un sito/blog che si chiama Rossetto e merletto. a me quel test sembra piuttosto approssimativo e semplicistico, e la stessa blogger dice chiaramente che non è attendibile. fallo pure come un gioco, può essere divertente, ma non prenderlo troppo sul serio.

            inoltre non so se sai che Lara ha aperto un gruppo FB dedicato all'armocromia: secondo me potrebbe interessarti molto di più. eccolo: https://www.facebook.com/groups/1500645120236240/?fref=nf

          • Cristina Quattrone
            Novembre 2, 2015 at 7:10 pm

            ecco, non sapevo che Lara avesse un gruppo che parla del settore: corro subito a iscrivermi :-); riguardo il resto,la mia è solo curiosità; dopo aver letto questo post e il successivo (sulla terminologia "tecnica"), sono contentissima così (Cristina la traduttrice)

          • Giulia
            Ottobre 27, 2015 at 2:00 am

            Saraaaa lascia perdere!! Anche io ho fatto il test al volo: Flamboyant Gamine (che onestamente non mi rispecchia proprio del tutto, magari ho sbagliato qualcosa)!

          • Giulia
            Novembre 8, 2015 at 2:21 pm

            L'ho rifatto: Classic con una punta di Natural.
            Adesso sì che mi ci vedo;)

      • Reply
        Charlotte
        Ottobre 20, 2015 at 2:30 pm

        Pensa Sara che io ho avuto una sorta di percorso inverso. Tempo fa sono stata diagnosticata Inverno Assoluto, proprio la stagione che tutte vorrebbero… tutte tranne me!! Quella nettezza, quel rigore, quella pienezza di colore non me li sento bene addosso e non li invidio a chi (splendidamente) li porta. Invece invidiavo tantissimo le Estati Assolute e le Estati Profonde Soft, con la loro eleganza senza sforzi, raffinata ed eterea.
        Poi Lara ha confermato che quella prima diagnosi era sbagliata e che sono una Inverno Profondo Soft… e l'ho vissuta come una liberazione. Non sono un'estate, ma ho comunque ritrovato quella componente soft che mi sa di bellezza delicata e sussurrata…
        Non ho dovuto neanche fare stravolgimenti di guardaroba, perché sono i colori che da sempre sento affini a me (pescando anche da stagioni "vicine", o concettualmente vicine, cosa che personalmente credo che si possa fare tranquillamente usando un minimo di criterio e senza mettere paletti drastici)… 🙂

      • Reply
        Giulia
        Ottobre 22, 2015 at 11:05 am

        Care Sara e Lilit, vi capisco perfettamente.
        Io sono un'estate profonda soft e mi vedo valorizzata al massimo, oltre che dai miei colori, dall'assenza di ogni eccesso: no a gioielli vistosi (almeno vicino al viso), al trucco netto e pesante, alle fantasie troppo psichedeliche, ai capelli troppo chiari o troppo scuri – o Rossi, neppure a parlarne -, alle acconciature elaborate.
        Pero, come dice Sara, il semplificare al massimo comporta il rischio di diventare scialba: il confine tra sofisticata e anonima, per quanto mi riguarda, è molto sottile.
        Ogni tanto invidio quelle donne dalla bellezza netta e sfacciata, ma io sono soft, checcepossofà?

  • Reply
    Cristina Quattrone
    Ottobre 19, 2015 at 8:33 pm

    Yeeeeeee! Eccomi qui anch'io a rapporto! Lily nella prima foto nello sguardo somiglia a Audrey Hepburn ma nella seconda sembra avere i capelli rovinati con le sopracciglia di freeda calo. Non mi piace. Belli gli outfit così come ho notato anch'io che i grigi mi donano :-).grazie ragazze! (Cristina la traduttrice)

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Ottobre 19, 2015 at 8:54 pm

      Finalmente la tua stagione 😀 Come ti sei trovata con la descrizione e con la palette?

      • Reply
        Cristina Quattrone
        Ottobre 19, 2015 at 10:11 pm

        Vedere la foto di una tua "sorella di stagione", aiuta molto sul cosa fare e cosa no. Anche la descrizione mi é stata utile per capire fin dove spingermi sia con i capi di vestiario che col trucco. Col trucco sono sulla buona strada, col vestiario devo lavorarci ancora un po'. Mi sa che questo post lo stampo e lo tengo a portata di mano 🙂 (Cristina la traduttrice)

  • Reply
    Laura B. (Daphnae)
    Ottobre 20, 2015 at 11:54 am

    Wow! Io finora mi ero catalogata come autunno, più per esclusione che per vera convinzione, ma ora che ho letto questo articolo penso che potrei essere anch'io IPS e sarebbe davvero perfetto per me perché adoro queste tonalità e questo stile. 😀

  • Reply
    Ari
    Ottobre 20, 2015 at 12:26 pm

    Ciao Sara! Perdona la domanda fuori tema, ma hai già fatto un post sulle scarpe basse da abbinare alle gonne in autunno, oltre ovviamente agli stivali e alle ballerine? Da quando è ricominciato l'autunno ho sempre questo dubbio, perché gli stivali sono ancora troppo caldi e invernali e le ballerine mi uccidono (e secondo me accentuano il divario fra i miei piedi piccoli e le cosce grosse).

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Ottobre 20, 2015 at 6:14 pm

      Lo avevo fatto l'anno scorso ! Cerca qui sul sito 😉

      • Reply
        Ari
        Ottobre 20, 2015 at 7:14 pm

        Grazie, non me lo ricordavo ma a vevo il dubbio che ci fosse già qualcosa del genere. Intendi "Quali scarpe per l'autunno 2014", giusto? Allora mi pare di capire che l'unica siano dei mocassini! Sai dove trovarne che non siano orribilmente da vecchia?

        • Reply
          Sara Consigli X Principianti
          Ottobre 20, 2015 at 7:47 pm

          Anche dei tronchetti, con tacco basso o rasoterra 😉

          • Ari
            Ottobre 21, 2015 at 9:10 am

            Anche se sono perosa?

          • Lilit
            Ottobre 21, 2015 at 10:53 am

            ecco, purtroppo mi capita di leggere su riviste e fashion blog (non questo per fortuna) che chi ha un fisico di tipo mediterraneo (pere e clessidre) "deve" indossare preferibilmente i tacchi alti perchè così la slanciano. io la penso così: non esiste che una sia obbligata al tacco alto solo perchè non ha il "fisico" adatto (e Carlà se ne faccia una ragione). le scarpe si scelgono prima in base alle esigenze pratiche (per esempio: devo camminare a lungo, ho un problema ai piedi, fa freddo e non voglio congelarmi, fa caldo e non voglio lessarmi i piedi), e solo in seconda battuta per il fattore estetico.

            comunque ci sono in giro stivaletti molto carini con tacco di 4-5 cm (che sembrano pochi, ma fanno già una bella differenza), piuttosto largo, che sono abbastanza comodi anche per camminare, e si possono portare sia con le gonne che coi pantaloni stretti o larghi. penso a una cosa tipo questi: https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/e9/ea/b7/e9eab78d42323bd2990190c0b595b498.jpg

          • Sara Consigli X Principianti
            Ottobre 22, 2015 at 4:51 pm

            Ma infatti, soprattutto in materia di scarpe io voto no alla scomodità e indosso tacchi solo se non devo camminare troppo o tacchi comodi se invece l'occasione lo richiede ma dovrò stare in piedi un po'… Lo stiletto solo per le cene: seduta praticamente sempre! E anche se una a le cosce un po' grosse, che deve fare, mettere sempre solo il tacco 12, magari camminandoci male e apparendo un po' goffa e sofferente? Io voto NO! 😀

          • Ari
            Ottobre 25, 2015 at 11:03 am

            Ho un paio di trochetti col tacco grosso e non troppo alti e li amo, ma ho scoperto che per quanto comodi non riesco proprio a metterli per cose tipo andare alla spesa – troppo pigra per i tacchi 😀
            Ho visto queste scarpe che mi sembrano un buon compromesso, ma come sempre quando cerco qualcosa per me dopo un tot di cose che vedo non ci capisco più niente: secondo voi sono in stile british o più in stile vecchiarda? 😛 https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/8c/f1/ed/8cf1ed2f637f5e6118efc6fb286f74b5.jpg

          • Lilit
            Ottobre 25, 2015 at 3:34 pm

            veramente sono in tante che usano abbinare le stringate maschili ad abitini e gonne al ginocchio. a me personalmente non piace, però devo dire che ne ho viste che non stavano affatto male, soprattutto con calze scure molto coprenti.

  • Reply
    Charlotte
    Ottobre 20, 2015 at 2:10 pm

    Eccomi qui, appena diagnosticata da Lara Inverno Profondo Soft.
    E devo dire a tutte le "consorelle" insoddisfatte della propria stagione che io proprio non riesco a capire questa fantomatica e famigerata "invidia dell'inverno", laddove per inverno si intendono generalmente quello profondo o quello assoluto, mentre noi profonde soft saremmo la versione sfigata, le "wannabe inverno".
    Tempo fa un'altra armocromista mi aveva individuata come Inverno Assoluto, ammettendo che avrebbe semmai potuto sbagliarsi con l'Inverno Profondo e… beh, ci ero rimasta malissimo. Posso ammirare la bellezza sensuale e magnetica delle IP e l'eleganza glaciale delle IA su altre donne, che sono stupende, ma su di me proprio non ce la potevo fare. Mi sembrava una grande fatica "reggere" quei colori e "sostenere" quelle definizioni.
    (Quando le ho spiegato che la sua diagnosi non mi convinceva, i miei dubbi sono stati respinti come capricci di una bambina che non accettava la sua stagione, ma questa è un'altra storia).
    Da quando Lara me l'ha svelata, tengo stretta la mia softness come la parte migliore di me 🙂

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Ottobre 20, 2015 at 6:13 pm

      Ma… questa cosa che una, se non si ritrova nella descrizione della sua stagione è una bambina capricciosa… ne parliamo?! 😀 Anche io quando ho portato i miei dubbi a Anna sulla mia melitudine, lei mi ha immediatamente risposto con cortesia che sì, ora che aveva individuato la mela a 8 io ero proprio una mela a 8, e quindi i miei dubbi erano legittimi. Anzi, mi ha ringraziata per la segnalazione.

    • Reply
      Ariadna
      Novembre 3, 2015 at 8:41 am

      P
      I
      A
      ??
      XD
      Quindi non sono l'unica con cui non ha azzeccato xD!!!

  • Reply
    Finnicella
    Ottobre 21, 2015 at 3:28 pm

    Ciao a tutte!! Complimenti a Sara e Lara per questi bellissimi articoli, li leggo sempre con piacere! Condivido appieno la convinzione che tali temi vadano trattati con leggerezza.. E ironia, come fate voi! Inoltre mi pare che tutte le stagioni abbiano un loro fascino, e che ci siano tanti tipi di bellezza da valorizzare in modi diversi! Alcune stagioni paiono più "fortunate " in certi periodi soltanto perché vanno di moda i colori che le valorizzano. Io sono stata analizzata come estate chiara ( grazie Lara) e mi sono accorta che nel guardaroba estivo avevo già i colori " giusti ".. Invece in autunno passavo sempre ai colori caldi: verdone, marrone, Borgogna… tutto da rifare :-S questo però non significa che la mia stagione sia " sfigata ", ma solo che in questo periodo fatico a trovare i colori giusti… Magari il prossimo inverno le collezioni vireranno su colori tipo rosa/grigio o celeste/ panna e mi sentirò una diva..

    • Reply
      Sara Consigli X Principianti
      Ottobre 22, 2015 at 4:47 pm

      Infatti noi estati eravamo fortunate fino a qualche anno fa, perchè di moda andavano il rosa e l'azzurro baby, tinte fredde; eravamo penalizzate solo dai contrasti, che erano sempre alti e quindi più da inverno 😉

  • Reply
    Giulia
    Ottobre 22, 2015 at 11:14 am

    Domandone a Sara/Lara che ho dimenticato di fare prima: io, Estate Profonda Soft, mi vedo bene anche con quasi tutti i colori della palette dell'IPS, tranne forse il nero.
    È una boiata o armocromaticamente ha un senso?
    Baci.
    Giulia

    • Reply
      Lilit
      Ottobre 22, 2015 at 11:59 am

      credo sia normale, perchè sono due "stagioni" che hanno diversi punti in comune e sono considerate "confinanti". anche io pesco un po' dall'Estate soft profonda (soprattutto in estate e primavera, quando i colori più scuri sono un po' fuori luogo), e anche dall'inverno profondo (altra stagione "confinante").

      • Reply
        Giulia
        Ottobre 27, 2015 at 1:58 am

        Grazie;)

  • Reply
    chiara EC
    Ottobre 22, 2015 at 5:17 pm

    Ciao, io ero stata diagnosticata estate soft chiara (con riserva) al limite con estate chiara; Lara mi ha diagnosticata estate chiara. I miei colori sono perfetti per la primavera-estate, ma l'uso dei colori chiari e freddi per l'autunno-inverno mi mette un po' in difficoltà, anche se è una difficoltà che conosco abbastanza bene, perché i colori caldi mi son sempre stati male! Prima usavo tantissimo il nero mentre ora, dopo aver VISTO davvero come mi sta il nero, lo porto poco e solo se son ben truccata. Ora son curiosa di ricevere il responso di Anna…e anche lì, quando saprò che forma sono…viva la leggerezza, per carità!

    • Reply
      Lilit
      Ottobre 22, 2015 at 6:01 pm

      ho visto che nella palette dell'estate chiara ci sono comunque dei colori che si possono trovare anche d'inverno: ci sono dei blu, dei rossi e diverse sfumature di grigio: potresti sfruttare quelli.

      • Reply
        chiara EC
        Ottobre 22, 2015 at 7:01 pm

        Grazie, si….vado con i grigi, il taupe; con il grigio mi piacciono molto il borgogna ed il lilla. Di colore nero ho qualche pantalone un po' elegante, una gonna a ruota al ginocchio e un'altra a matita sempre al ginocchio..Però non mi piace molto vedere la parte inferiore nera e sopra i miei colorini chiari: gonna nera e maglia azzurra, rosa, bianca o grigio chiaro.
        Ieri ho visto (ma non era per nulla da principiante!), una conoscente con gonna rosa antico chiaro e maglia bordeaux…che spettacolo! Vabbè, lei ci aveva abbinato calzini corti bordeaux sulla pelle nuda e scarpe dello stesso punto di bordeaux di maglia e calzini…però l'abbinata rosa antico e bordeaux mi piaceva molto. Da tenere a mente (i calzini corti non ce la posso fare)!
        Il mio problema quando indosso il taupe (vestito, pantaloni o gonna) è dato dalle calze….ecco, in quel momento vorrei vestirmi di nero da capo a piedi.
        Sono l'unica che ha sempre problemi con il colore delle calze?

        • Reply
          Lilit
          Ottobre 22, 2015 at 8:06 pm

          con le calze tanti problemi non li ho perchè le mie gonne invernali (porto le calze a vista solo con le gonne) sono quasi tutte nere, tranne una scozzese sul rosso. le calze le preferisco scure e molto coprenti, ma ogni tanto azzardo qualche colorino un po' folle (viola o bordeaux).
          una valida alternatina alle calze nere secondo me è il grigio antracite.
          invece i calzini con la gonna non li porterei neanche sotto tortura. quando ero bambina si usava portare la gonna coi calzettoni sotto il ginocchio anche in pieno inverno, e ne ho un ricordo orroroso.

          • Cristina Quattrone
            Ottobre 23, 2015 at 9:17 am

            io la portavo infatti, a dispetto dell'inverno 🙂 (Cristina la traduttrice)

          • Ari
            Ottobre 25, 2015 at 10:57 am

            Bellissimo l'antracite!

  • Reply
    claudia
    Ottobre 26, 2015 at 9:47 am

    Io ci ho provato ma proprio non riesco a farmi un'autoanalisi
    dell'armocromia! Sarà per questo che ho in generale problemi a abbinare i
    colori!
    A me piacciono tutte queste favolose donne, quando sono valorizzate dai colori sembrano più complete.
    Forse
    i litigi nascono perchè a volte la personalità non va a braccetto con
    l'armocromia, un primavera magari si sente darkettona dentro, chi può
    impedirglielo? 😀

    • Reply
      claudia
      Ottobre 26, 2015 at 10:35 am

      ps: perchè non aiutare chi porta gli occhiali con qualche consiglio sui colori?

      • Reply
        Lilit
        Ottobre 26, 2015 at 1:35 pm

        uhm, prima del fattore estetico c'è da valutare una questione legata al tipo di difetto visivo che uno ha. per esempio a me, astigmatica, gli ottici hanno sempre consigliato montature sui toni del blu, che però per un miope non andrebbero altrettanto bene.

        • Reply
          Cristina Quattrone
          Ottobre 27, 2015 at 12:04 pm

          e pensare che io adoro le montature blu (e sono moooolto miope) (Cristina la traduttrice)

          • claudia
            Ottobre 27, 2015 at 6:40 pm

            oddio questa non la sapevo, io sono miope e astigmatica, ma nessuno mi aveva mai detto nulla sui colori! quante cose si scoprono! spiegami meglio!!

          • Lilit
            Novembre 2, 2015 at 6:19 pm

            a me l'ha detto un ottico tanti anni fa. recentemente ho provato ad approfondire ma non ho trovato molti riscontri, comunque continuo a cercare. le mie montature sono quasi sempre state sui toni del blu/violetto, salvo qualcuna che era grigio antracite, sempre in metallo, sottili e con le lenti rettangolari. colori diversi mi creano un riflesso "strano", quindi cerco di evitarle..

          • chiara EC
            Ottobre 28, 2015 at 4:16 pm

            Anche io sono molto miope e astigmatica e vorrei sapere! Porto gli occhiali (praticamente) da sempre e ripensando alle montature che ho acquistato nel corso della mia vita, erano tutte di colori "corretti" e tutte chiare/ sottili/trasparenti, come si addice alla mia stagione! Anche quando andavano di moda montature nere e grosse, le mie erano di colore verde, azzurro, grigio, lilla, tartaruga chiarissimo…quella di adesso è rosa antico e trasparente. Ah, l'armocromia sulla punta del naso!

          • Cristina Quattrone
            Ottobre 29, 2015 at 9:32 am

            io sempre "a giorno" (con il solo vetro) e, più recentemente bianche trasparenti,ma vorrei sperimentare un pò di colore, come appunto il blu, il verde o il fucsia (ammesso di trovare qualcosa di lineare e poco appariscente dalle me parti) (Cristina la traduttrice)

  • Reply
    Princifessa
    Ottobre 26, 2015 at 11:47 am

    Secondo me, l'armocromia (di cui mi farò comunque fare l'analisi da Lara appena recupero la reflex) ha un grosso limite (da cui derivano le polemiche): sembra far sparire l'altra faccia della medaglia, i lineamenti.

    Ad esempio io anche se fossi una stagione a cui è consigliato di spingere sia su occhi che su bocca non riuscirei mai a farlo: per quanto mi possano stare bene i colori, ho la bocca grande e carnosa e gli occhi allungati e sovrastati da sopracciglia folte.. quando trucco tutti e due sembro subito una strappona. Avessi le labbra più sottili o gli occhi più piccoli e in secondo piano non avrei problemi, ma non li ho!

    Se invece avessi gli occhi come Christina Ricci, tondi e sporgenti, chissenefrega dell'armocromia: come potrei stare bene con un ombretto chiarissimo o esageramente luminoso senza né una matita o un eyeliner ad aiutarlo?

    O ancora, mi viene in mente una mia amica, che ha i denti parecchio storti e un po' giallini (di colore suo, nemmeno fuma!): anche se fosse di una stagione che non dovrebbe mai uscire senza rossetto neon non sarebbe comunque il suo caso perché attirerebbe l'attenzione su un suo difetto che odia cordialmente.

    Insomma, i colori sono UNO dei 4 fattori… colori, proporzioni, forme e, vogliamo mettercelo, la personalità del portatore!

    Infatti a me Lily Collins piace anche nel trucco "non adatto", perché a lei il look "vampy" piace e lo sfoggia con sicurezza, senza contare che per quanto i colori siano sovrastati i lineamenti lo permettono.. nessuno direbbe che è un look non azzeccato (a parte un armocromista die hard!)

    • Reply
      Charlotte
      Ottobre 26, 2015 at 5:55 pm

      La penso in modo molto simile a te, adoro l'armocromia ma è UN concetto di bellezza (che non nasce solo dall'armonia ma anche dal contrasto) e UNO degli aspetti da prendere in considerazione (proporzione, forme e personalità, che cambia le carte in tavola eccome!)… Insomma applausi 🙂

    • Reply
      ariel
      Ottobre 27, 2015 at 2:29 pm

      D'accordissimo anch'io! se guardi solo al colore ti viene in mente "eh però le forme…", se guardi solo alle forme "eh però la personalità…", se guardi solo alla personalità "eh però l'equilibrio…", insomma…una unica visione parziale di noi a volte limita tanto e va in contrasto con altre parti di noi che ugualmente hanno un peso. Tutto sta nel trovare un equilibrio tra i vari aspetti che ci faccia sentire e stare bene nel momento in cui lo scegliamo. Un altro fattore che mi viene sempre più da considerare con il passare del tempo è l'età. So che alcuni pensano "non conta, basta quello che ti senti tu e non ci sono regole da rispettare se non il buon gusto sempre", invece io mi rendo conto che l'avanzare dell'età su di me ha avuto un effetto di "eliminazione del superfluo" spaventoso. Fino a qualche tempo fa mi "agghindavo" molto di più (ma mai tantissimo, devo dire), più accessori e colori anche; invece negli anni il mio guardaroba si è assestato su 3 o 4 colori (che ho scelto perchè mi piacciono e POI ho scoperto essere anche tra i miei migliori armocromaticamente parlando). Sono "armocromaticamente" più esperta, oppure semplicemente il tempo ha portato consapevolezza? Oppure ha tristemente portato più banalità e meno voglia di trasgredire e sperimentare che caratterizzavano invece la me adolescente? Boh…Ma se devo essere sincera in questo momento sono molto più contenta e serena nel rapporto che ho con il mio corpo, (anche grazie alle riflessioni di Sara e Anna), di quando avevo 15 o 20 anni ed ero perennemente in crisi e insicura.

  • Reply
    Roberta
    Novembre 4, 2015 at 2:54 pm

    Secondo me l'armocromia così come sapere qual'è la propria forma,dovrebbe semplicemente aiutarti ad essere più consapevole.Sono d'accordo che indipendente da tutto ciò,quello che conta è la personalità!Pessimo scannarsi perchè le estati sono eleganti,le inverno magnetiche,le autunno sensuali ecc…mi sono fatta analizzare da Lara e dopo averle creato immani dubbi sono risultata inverno profondo soft.Mi sento"sfigata"per questo solo perché viene considerato di serie B?NO,io lo adoro,mi sembra di aver trovato la MIA dimensione,così come l'ho trovata quando Anna mi ha detto di essere una clessidra.A me tutto questo ha aiutato,scelgo meglio colori e abiti,credo che alla fine il senso sia questo!grazie Sara per averne parlato 😉

  • Reply
    Lilit
    Dicembre 19, 2015 at 9:45 am

    ho trovato in rete delle foto di Lily Collins dove prevale decisamente il lato "profondo" su quello "soft" e devo dire che mi piace moltissimo: http://2.bp.blogspot.com/-foiCbhArAC0/UmgwKl_mWaI/AAAAAAAAHZ0/h3dRU6RuCso/s320/lily-collins-apple-store-06.jpg dico anche che coi capelli scuri mi piace molto di più: quel castano chiaro la rendeva un po' insipida.

Leave a Reply