Senza categoria

Come indossare la cappa (pt. 2): stili e abbinamenti

Ottobre 14, 2016

Guardare il mondo mentre fuori fa freddo e tira vento, con in mano un tè speziato preso alla Peter’s Tea House con maglione, leggins in pile e calze spugnose colorate, magari mentre nel forno sta cuocendo una torta di mele e cannella) è un’esperienza romantica e quasi mistica. Che non si avvera mai. Perché in inverno noi non stiamo in casa al caldo mentre fuori piove, noooo, noi dobbiamo uscire e inzupparci, rompere ombrelli controvento, ripararci in malo modo con improbabili strati di vestiti che pizzicano, scegliere tra stivali caldi ma non impermeabili e stivali da pioggia. Insomma, se non s’è capito per me l’inverno è una rottura. Certo, sarebbe una rottura molto meno rottura se avessi il guardaroba di Serena van Der Voodsen, ma, dato che posso permettermi giusto Diffusione Tessile e non sono un’ereditiera con una giornata impegnatissima a flirtare e chattare, l’inverno lo odio e odia anche il guardaroba invernale.

Un capo però che può aiutare a sopportare un po’ di più questo grigiore è proprio la cappa, di cui avevamo già parlato qui. Un capo nobile, elegante e – se avvitato – anche caldo. Avevamo detto che esistono tre tipi di cappa, nel post precedente. Ora vediamo come sfruttarle al meglio:

Cappa classica: può essere indossata in due modi, opposti. O con abiti, tacchi, stivali, borsetta e accessori stile Olivia Palermo (e allora ci vai anche a una festa, a una cerimonia, a un matrimonio) o con jeans, ballerine, stivaletti  o perché no addirittura sneakers e maxibag per un bel mix casual chic. In ogni caso, la cappa ci farà apparire in ordine in ogni occasione: per questo è un capo basilare per chiunque tema in autunno e inverno di non essere abbastanza elegante. Un tocco in più sono i guanti, caldi e magari con qualche decorazione sul polso. Attenzione però: niente tute, runner o altri capi e accessori troppo sportivi; stonerebbero davvero troppo.
Ricordate che le maniche della blusa o del maglione che indossate si vedranno: quindi non potete abbinare la cappa a capi dai colori che non le si abbinano; questo è l’unico vero inconveniente e richiede un’attenzione in più rispetto a un normale capospalla.

aaa131e8e89df5ee126bee566db5c28d

 

schermata-2016-10-14-alle-17-05-28

Cappa svasata, o Cappa Olivia Pope: si abbina naturalmente agli abiti e alle gonne svasate. Il mix risulta così romantico e femminile, adattissimo allo stile bon ton e ladylike. In generale, è una cappa più elegante: quindi meglio evitare capi maschili o sportivi. Si presta ad essere indossata sia di giorno sia di sera: con jeans ampi e tacchi, potrebbe rievocare un look vintage grazie a una grossa borsa e una sciarpa in seta multicolore; invece, con una blusa e una gonna svasata, potrebbe essere il capospalla ideale per tutte le pere e le clessidre che amano gli abiti romantici.

1a658ff79c2d95818e5f3ec3752598bd

 

schermata-2016-10-14-alle-17-49-54

 

Cappa coperta: è quella più semplice da abbinare perché basta buttarsela sulle spalle e anche con sneakers e jeans fa la sua figura. Ne esistono di talmente tanti colori e fantasie che è impossibile raggrupparle tutte in un solo post; a seconda di come la indossate (legata in vita da una cintura, buttata sulle spalle, usata come maxi sciarpa o poncho) dona a quasi tutte le forme e può essere indossata con quasi tutti gli stili. Economica, versatile e democratica: cosa si può chiedere di più ad un capo?! Unica pecca: è quella che tiene meno caldo, quindi va usata o durante la mezza stagione o sopra il cappotto, come si vede fare ormai da due anni a questa parte (ma se il cappotto è voluminoso, il pericolo di sembrare l’omino Michelin non è poi così lontano).

06226392e1b4bb7813724689b6d0ae39

 

schermata-2016-10-14-alle-18-24-40

Voi, che cappa amate e come la abbinate?!

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply