Uncategorized

Cosa comprare ai saldi AI 2019

Gennaio 4, 2019

Dire che non sono emozionata perchè per la prima volta scrivo in questo nuovo blog è mentire; avrò iniziato e cancellato questo post quindici volte. Non scrivo da mesi, dunque credo sia normale. Inoltre, il mio personal hater mi sta leggendo e gli ho promesso che avrei usato artifici retorici degni della sua levatura culturale, ergo non posso neanche scrivere di getto senza neanche rileggere come solitamente faccio. Per chi non sapesse chi è il mio personal hater, male male male, significa che non mi seguite su Instagram. (Sto scherzando, tranqui che non vi romperò l’anima col follow for follow, che è una pratica che ho scoperto da poco – e trovo veramente divertente).

Di che parlare, dunque? Il blog è uscito a un giorno dai saldi, quindi perchè non iniziare proprio da quelli? (Inoltre ho fatto un sondaggio sui social, “Primo post sulla mia visione o sui saldi?!”, e i saldi hanno avuto la maggioranza bulgara che m’aspettavo – merito delle mie tecniche di PNL, eh eh eh). Ho già scritto due righe proprio su facebook, l’altro giorno. Per chi l’ha già letto, qui andrò a ampliare il concetto, ma in sostanza vi informo che questa non sarà una vera guida (ragionata e meditata forma per forma) ai saldi, per le ragioni che seguono.

Il mio approccio ai saldi è solitamente strategico, tipo Napoleone ad Austerlitz. Inizio con una ricognizione generale su internet, capisco cosa voglio, mi faccio una lista, vado per negozi, dimentico la lista, compro un tubino luccicante rosa (FATTO), esco dal negozio, mi do dell’idiota, prometto di tornarci con la mia amica Valentina così magari mi preserva dagli acquisti “à la Carrie Bradshaw”, torno verso la fine da Zara quando fanno tutto al -70%, esco con un cappotto di ecomontone.
Così. Ogni. Anno. 
Quindi non voglio prendervi in giro, la mia guida ai saldi sarebbe stata tutto fuorchè una guida (come ogni anno, dopotutto). Ciò che forse però bisogna cambiare è l’approccio stesso alla filosofia dei saldi: veramente bisogna comprare solo ciò di cui abbiamo bisogno? Veramente vogliamo che la nostra vita abbia quest’impronta materialista? O forse sbagliamo tutte gli acquisti dei saldi perchè i soli acquisti sensati sono quelli sbagliati?

Riflettiamo sull’errore: perchè lo abbiamo commesso? Perchè in quel momento quell’abito ci piaceva. E lo stile personale non è forse costruito di abiti che ci piacciono? Forse non ci serve una guida sensata ai saldi, ma il coraggio di osare indossare ciò che amiamo.
In conclusione, quest’anno abbraccerò il ritorno del barocco e voglio una gonna midi di lustrini, un maglione decorato, gioielli da Maria Antonietta. Passo e chiudo.

Io, sobrissima, quest’inverno.

Postilla a quanto già scritto su Facebook. Ho passato anni ad accumulare cose giuste per me; cose che mi facevano sentire sicura e mi facevano vedere bella allo specchio. Per qualcuno, tutto questo è il sacro Graal degli armadi. E forse qualcuna di voi mi invidierà. Però quando penso alle coperte di Linus, al confort e alle tshirt bianche e i maglioncini neri, ecco, mi viene in mente una frase di Auxley.

But I don’t want comfort. I want God, I want poetry, I want real danger, I want freedom, I want goodness. I want sin.

Parafrasando. Io non voglio i jeans e la maglietta bianca. Io voglio i lustrini e i boa di struzzo. Anche i maglioncini neri, però, che ne ho una collezione che ciao. Però insieme ai jeans e al maglioncino nero, le scarpe argentate con le pailettes che ho comprato l’altro ieri; la borsa in tartan dorato; l’ecopelliccia. Insomma, un armadio in cui regna il basic è un armadio sicuro che, come ogni cosa sicura, mi fa sbadigliare. Ma non perchè sia sbagliato – non esisitono mica cose SBAGLIATE a priori (a meno che non si cada nel penale, ma qui apriremmo un dibattito di filosofia del diritto che mi eviterei) – ma perchè son cose che mi riflettono poco. I calcoli, le riflessioni su “con cosa lo indosso”, il “ma non è per la mia forma”.
Io. Sbadiglio.
E quindi, ecco, per questi saldi voglio gettare la maschera; non troverete una guida (ma che poi quando mai l’avete trovata, qui, una guida vera?!) ma delle cose da guardare che mi piacciono e che quest’anno entreranno nel mio armadio. Sono cose che vanno di moda. Sono cose che inserirei nel mio guardaroba perchè mi piacciono. E ciò che mi piace non può essere sbagliato (a meno che non si cada nel penale, ma vedi sopra).

Sogno questo armadio ma seriamente credete che sopravviverei con tre paia di scarpe?

COSE CHE VOGLIO A QUESTI SALDI (e che forse comprerò se non mi requisiscono le carte di credito). Riassumibili in “capi statement”. Cosa significa? In buona sostanza, statement di per sé potete googlarlo, troverete roba di lavoro e noiosa. Ma gli abiti statement sono quegli abiti che “ti vestono da soli”. E’ un trend anche non troppo velanto di cui se vorrete vi parlerò più diffusamente; in sostanza, potete anche indossare una camicia bianca e un paio di jeans, MA con un accessorio statement darete quel qualcosa in più che la semplicità vi nega. Non è una moda per timide. Ma alla fine dai, a me piace così. Ci permette di uscire dalla confort zone senza per forza obbligarci ad avere un armadio di glitter pelle e pellicce colorate. (Che poi, why not?). Ma attenzione. Non parliamo di una sciarpina corallo. Quando parliamo di capo statement (cercare su pinterest per credere) parliamo di un capo o un accessorio veramente eccentrico.

Midi pailettosa: io sono come le gazze ladre, se qualcosa luccica la voglio (e infatti). Ma questa tendenza delle midi scintillanti, non potete negarlo, piace a tutte. Perchè tutte sotto sotto siamo come Priscilla la regina del deserto. Magari molto sotto eh. Quando indossare questa gonna? Ma io direi sempre. Sdoganiamo la priscillitudine anche di giorno, con una camicia bianca e un tacco nero. (Con la midi il tacco sarebbe preferibile, ma io la indosso anche con sandali o ballerine). La mia preferita è di Zara ma io in negozio non l’ho vista e non ho intenzione di comprarla online perchè le taglie di Zara sono strane. A volte ho la M a volte la S a volta non mi entra la L.

Qualcosa di tartan: punto ai pantaloni. Ma anche una gonna non mi dispiacerebbe. Con una camicia bianca e/o un blazer nero, easy peasy lemon squeezy. Oppure un maglione morbido di angora. Dopotutto, il bello degli statement pants/skirts è che ti bastano quelli. Lo so, sono anni ’90 e lo so qualcuno magari è stufo degli anni ’90. Io no, anche perchè le cose tornano, basta saperle reinterpretare per evitare l’effetto back to the future. Non ci sarà se li scegliete con la stampa bella grossa e evitate il rosso (infatti punto al verde e al blu scuro).

Animali vari: non ricordo dove avevo letto che il leopardato è una cosa che mai se ne andrà, che è una stampa sempre raffinata, sempre presente, nonostante gli anni che passano. It’s back. Insieme alla zembra e al pitone e a altri animali selvatici (sempre finti, eh, che poi mi ritrovo il WWF che mi suona a casa) che sono praticamente ovunque. Impossibile non averli notati. Per ora ho preso una mini pitonata, che uso con un maglione in cashmere bianco e gli over-the-knee neri. Ah, e una sciarpa che col cappotto zucca (vedi sotto) è tipo William e Kate.

Color zucca: io sono in realtà esentata da questo acquisto, perchè ho già comprato un maxi coat arancio che incredibilmente sta veramente bene con tutto. Con i jeans, con gli abiti neri, con il total white, con il grigio. Incredibile. Non ci credevo. Eppure. (Che poi questa cosa che l’arancio è chic non dovrebbe stupirci. Ehm – Hermés – ehm.)

Altre idee per questi saldi? Voi cosa acquisterete?

12 Comments

  • Reply
    Shiva
    Gennaio 4, 2019 at 8:33 pm

    La roba basic l ho presa a Natale, con i saldi preferisco prendere quelle cose di cui potrei pentirmi più avanti, ma almeno so di averle pagate di meno 😂
    Penso di puntare su dei pantaloni a palazzo di Stradivarius e una camicia a fiori di Candida. Per il resto aspetterò di entrare nei negozi e farmi ammaliare 😂

    • Reply
      Sara Apfel
      Gennaio 4, 2019 at 8:56 pm

      Esatto! Anche io nel periodo dei saldi preferisco prendere cose estrose che almeno pago meno!

      Sara Apfel ❤️

  • Reply
    Elisa Sartore
    Gennaio 4, 2019 at 8:38 pm

    Le immagini coprono l’ultima parte dell’articolo, peccato.

    • Reply
      sara
      Gennaio 7, 2019 at 4:32 pm

      Davvero? A me sia da cellulare sia da PC non accade… Mi spiace dell’inconveniente, però!

      Sara Apfel

  • Reply
    lilit
    Gennaio 5, 2019 at 9:33 am

    Avendo un armadio abbastanza completo (dopo anni che ci lavoro) in realtà potrei anche non comprare nulla. Ma qualcosa acquisterò. La moda del momento non mi fa impazzire, non amo il leopardato o pitonato, le cose sbrilluccicose. Il tratan un po’ sì ma a piccole dosi. Sono a caccia di una camicia a scacchi in flanella come le portvo a vent’anni. Qualche maglia termica da mettere sotto ai maglioni (le uso un sacco e non bastano mai). Un vestito in maglia, possibilmente un po’ svasato e con le maniche. Il resto lo lascio alla libera ispirazione e a quello che mi concederà il mio portafoglio sempre assai magro.

  • Reply
    Bianca
    Gennaio 5, 2019 at 10:37 am

    A trovarla sarebbe bello comprarsi una bella gonna in tulle, lunga fino alla caviglia, senza quell odioso elastico in vita che rovina tutte le linee!!!
    Bella l idea del colore zucca, sempre un po’ bistrattato

    • Reply
      sara
      Gennaio 7, 2019 at 4:33 pm

      L’elastico in vita è anche il mio personale odio. Cavolo, e poi quanto stringono! Abbiamo lo stesso sogno…

  • Reply
    Moonyreader
    Gennaio 5, 2019 at 11:40 am

    Io sono ossessionata dal tartan, ma passo perché ho già quattro gonne! Vorrei tantissimo un abito però, di quelli stretti in vita e con la gonna svasata, modello da bambina praticamente (e infatti stavo per acquistarne uno online per sbaglio) sì accettano suggerimenti su dove trovarlo.

    • Reply
      sara
      Gennaio 7, 2019 at 4:34 pm

      Quest’anno in tartan sta facendo un sacco di abiti Nevelokids!
      https://www.nevelokids.com

      Se la segui su IG vedi molti modelli!

  • Reply
    Chiara
    Gennaio 6, 2019 at 12:15 am

    Adorissimo la tua non-guida per i saldi. Ho fatto esattamente come te: pantalone viola con banda laterale, in saldo passa la paura!

    • Reply
      sara
      Gennaio 7, 2019 at 4:35 pm

      Big up per le guide-non-guide!!

  • Reply
    Mira
    Gennaio 7, 2019 at 6:08 pm

    Io anelo da anni a una gonna lunga invernale color zucca o zafferano. Mai trovata nei negozi. Che dite, sarà la volta buona?

Leave a Reply