Trend Alert

Cose che mi piacciono: mid90s Minimal nel guardaroba 2020

Febbraio 3, 2020

Si sa: nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Non vale solo per la massa, ma anche per la moda; è così da sempre, le linee e gli indumenti possono variare, ma son variazioni sul tema. Ormai da qualche stagione vediamo riproposti capi che indossavamo quando eravamo alle elementari e alle medie e stili che rievocano i fasti di Versace; ma questo 2020 ci riporta anche il gusto del minimal.

(Lo so. Avevamo detto byebye minimal giusto qualche stagione fa, però la moda cambia idea velocemente e c’è poi da dire che ce n’è veramente per tutti i gusti ultimamente: nello stesso negozio troverete il broccato e l’abito da sera total black pulito pulito. Insomma: niente drammi, non vi piace il minimal anni ’90? passate oltre. Se invece come me credete che non ci sia niente di più bello di infilarsi un abito nero e andare a comandare, questo ritorno fa decisamente per voi!)

Noia, dite? Non proprio. Il minimal non è per forza assenza di fantasia e di estro, anzi, ricordate il famoso naked dress di Carrie? Ecco. Probabilmente dovremmo tutte provare l’ebbrezza di indossarne uno, almeno una volta nella vita! (E San Valentino si avvicina, just sayin’)

Procuratevi abiti dalle linee semplici, pulite, oversize qb, dai colori neutri e monocromi (il nero, come sempre, va su tutto). Le più coraggiose potranno osare le (temutissime, da chi ha un seno che va oltre la coppa A) spaghetti-straps, un cardigan oversize, occhiali da sole scuri e fingersi Kate Moss off-duty.  Il plus sarebbe l’abbinata con i sandali coi laccetti superminimal che camminarci è la morte vera ma sono tanto belli da vedere (la pedicure è d’obbligo). Chi, al contrario mio, ha ereditato pozzi di petrolio dallo zio d’America (ah ah ah) può puntare dritto sulle proposte di The Row; chi no, si farà consolare dai soliti noti (Cos, su tutti).

Ed ecco un mix di come eravamo e di come siamo.



No Comments

    Leave a Reply