Trend Alert

I trend che (se mai usciremo di casa) troveremo nei negozi quest’estate

Maggio 16, 2020

Ci si è sfasata un po’ la bussola delle stagioni; io, che ho osservato l’ordinanza in modo religioso e sono uscita a settimane alterne per andare in fondo alla strada a far la spesa, ho scoperto solo da poco che il cappotto è ormai superfluo. E pure il trench è troppo caldo. E dire che l’ultima volta che ho messo piede al lavoro indossavo il cappotto di cashmere e meditavo un salto da Uniqlo per il centogrammi! Anche lo shopping da divano, la compilazione di infinite wishlist e i desideri stagioni ne sono usciti rintronati: mi son ritrovata ad amare oggetti che ormai sarebbero da riporre in armadio e se ne parlerà l’anno prossimo e per una come me, che deve indossare tutto subito e ha da sempre la pazienza ai minimi storici, è decisamente una bizzarria.

Di contro, il portafogli ha ringraziato, non ci giro attorno; la mia app che conteggia entrate e uscite mi ha pure fatto i complimenti! Però lo shopping mi manca; mi manca girare per negozi, fare colazione con un libro e poi pigramente guardare le vetrine, riempirmi la testa di nuovi abbinamenti con nuovi capi… Ho ovviato sfogliando riviste, guardando i siti degli e-commerce, commissionando capi a una sarta (se mi seguite su IG avete anche visto la telecronaca del riordino delle stoffe con relativi capi da confezionarci!) e cucendo qualcosa di semplice dagli scampoli che mi erano rimasti da regali o progetti precedenti.

Adesso che pare si riapra, anche se a spizzichi e bocconi, è utile capire che cosa troveremo in vetrina, perché una spruzzata di frivolezza non fa mai male, dopo mesi come questi.

Colori: l’anno scorso avevo descritto la palette dell’estate 2019, fatta di colori tenui vicini alla terra, al mare, alla foresta. Ecco, possiamo dimenticarceli. Quest’anno i colori, l’abbiamo detto, si fanno più carichi, viaggiano a blocchi e non sono timidi. I miei preferiti sono (incredibilmente) l’arancio e il verde. Dico incredibilmente perché sono due colori che non amo tantissimo, soprattutto nel guardaroba. Eppure… potere (martellante) della moda! L’accoppiata colore-completo (giacca-pantalone) è il mio grande desiderio da un po’…

(Comunque mi pare di aver vagamente intuito che se non hai un paio di pantaloni palazzo arancio quest’anno non sei nessuno; infatti ho approfittato di un tessuto di lino arancio che mi avevano regalato per confezionarmene un paio)

Voilà per il vostro (si spera non più solo) window-shopping:

Here


Polka-dots: questi sono facilissimi da reperire in armadio perché sono ovunque da un po’. Mi piacciono molto tono su tono, magari ricamati in rilievo. Sull’organza, poi, sono un garanzia. Eviterei l’abitino lezioso bianco e nero per non incorrere nell’effetto fino-anni-’50, che trovo un po’ trash

Here


Bermuda: questo c’è mancato un pelo che finisse nei trend brutti, e sono ancora molto molto in dubbio sulla sua collocazione. Cerchiamo di dargli speranza, ben consci che entro la fine dell’anno ne avrò un paio nell’armadio. Pacifico. Anche se hanno quella lunghezza infame. Me lo sento. Anche se rievocano i trami della scuola elementare. Segnatevelo.


Colletto statement: anche questo non è una super novità; non so se ricordate la big crush che avevo avuto per i colletti ricamati di Vivetta, che però costano quanto il rene di uno spinato ungherese albino. Anche questi scatenano un po’ di amarcord anni ’80, vi avviso…
Se volete fare un piccolo investimento, Miu Miu sui colletti belli vince proprio a mani basse.

Catene indiscrete: per le borse, gli occhiali, la bigiotteria. E anche qui sono flash degli anni ’90 che volano, ricordo una zia particolarmente amante delle catene che ne sfoggiava d’oro ai pranzi della domenica.

Here


Pronte per la riapertura?

You Might Also Like...

5 Comments

  • Reply
    Monica c
    Maggio 19, 2020 at 12:11 pm

    Ma sai che io non li vedo così male questi bermuda? Nei tessuti morbidi li vedo bene su tanti tipi di fisico e stile, nei tessuti più rigidi dipende, vanno provati.
    Le collane enormi tutta la vita, a maggior ragione in questa stagione in cui non potremmo indossare orecchini vistosi (dovremo continuamente mettere e togliere la mascherina e i pendenti impicciano)

    • Reply
      Sara Apfel
      Maggio 20, 2020 at 2:31 pm

      Infatti mi convincono, ma non mi convincono, insomma voglio provarli!!

  • Reply
    Paola R.
    Maggio 19, 2020 at 1:29 pm

    Ciao Sara, questo è un post densissimo, con molte foto. Mi sono chiesta, e mi permetto di scrivertelo come suggerimento, se non sarebbe meglio suddividere maggiormente i vari capitoli, magari pubblicandoli con maggiore frequenza, anziché proporre tantissimo materiale in un solo post. A me sembra che le tue recensioni verrebbero più valorizzate e il tutto risulterebbe meglio leggibile, non so cosa ne pensi.
    Grazie!

    • Reply
      Sara Apfel
      Maggio 20, 2020 at 2:31 pm

      Solitamente accorpo i temi su cui ho poco “da dire”, come questo, per non avere magari post con due righe di testo e molte foto 🙂

  • Reply
    Paola R.
    Maggio 21, 2020 at 8:06 am

    Capisco, grazie per la risposta!

Leave a Reply