Il guardaroba perfetto Inspo

5 aesthetics che possono ispirare il nostro guardaroba 2021

Dicembre 27, 2020

L’avvento dei social ha semi-pensionato moltissime vetrine; quando ero giovine leggevo avidamente Marie Claire, Elle, Vogue e Velvet (chi lo ricorda?), adesso li sfoglio ancora (tranne Velvet) ma sicuro non conto di trovarci idee avanguardiste: molto di quello che vedo è stato anticipato da Instagram o TikTok o qualsiasi altro social che è nato stamattina. Queste righe da boomer perché spesso magari si vedono robe in giro, da Zara, su Pinterest, e non si sa da dove vengano; ecco, vengono da lì.
Di seguito, 5 aesthetics che possono ispirare il nostro guardaroba.

Dark Academia: ispirato dallo stile delle scuole private prettamente anglosassoni e all’universo che le circonda, col gusto per la decadenza di fine secolo, maledettismo e (giusto un velo di) Dead Poets Society. Un tripudio di tweed, tartan, cuoio, calzini di cashmere, mocassini, camicie oversize, blazer maschili, meglio se retrò (quindi bene cercare nel vintage e negli armadi delle nonne).
Inspo: here, here

Shop here
Shop here
Shop here
Shop here


Cottagecore: ispirato da atmosfere casalinghe e agresti-chic della Provenza o della campagna inglese, una sorta di Bucoliche in formato estetico-fotografico; fiorellini, tessuti leggeri, romanticismo, balze, cardigan in lana, colori tenui, maniche XXL.
Inspo: here

Shop here

Shop here


Cozy: pienamente in stile quarantena, che ha fatto riscoprire il piacere di restare in casa vestiti da casa. E le sezioni “homewear” degli e-commerce (dove trovare felpe dai tagli confortevoli, tute e maglioni oversize) propongono capi che escono tranquillamente anche di casa (insieme a scarpe da ginnastica, cappotti oversize, layering e tessuti caldi).

Shop here
Shop here
Shop here
Shop here


Y2k: nato dall’effetto-nostalgia che sta investendo i nostri ultimi anni e che ha visto tornare in auge prima la decade 80s e oggi 90s e primi 2000 (non solo nella moda, ma in generale della cultura pop), ha sicuramente un sapore adolescenziale. I riferimenti sono agrodolci per chi, come me, con jeans a vita bassa, cardigan lilla, borse baguette e camicie slimfit ci ha fatto proprio in pieno l’adolescenza.
Inspo: here, here

Buy here
Shop here
Buy here
Buy here


Art Hoe: un movimento interessante, inizialmente artistico, che raccoglie opere e sensibilità variegate che hanno come comune denominatore l’essere o rappresentare l’outsider; abbastanza controverso oggi perché ha subito un massiccio whitewashing e una conseguente banalizzazione (qui qualche pillola interessante). Raccoglie capi colorati, eccentrici, ha il sapore delle accademie d’arte di San Francisco, si rifà a un’idea inclusiva e di espressione personale totale.
Inspo: here

Buy here
Shop here
Shop here
Shop here

14 Comments

  • Reply
    Ombra
    Dicembre 27, 2020 at 8:37 pm

    Scusate, che cosa si intende con slim fit? Skinny? Non capisco.

    • Reply
      Sara Apfel
      Gennaio 6, 2021 at 10:08 am

      Slim fit indica una vestibilità che segue aderente la figura, senza tessuto in eccesso.

      • Reply
        Elena
        Gennaio 7, 2021 at 8:44 am

        Adesso ho capito che sono il modello di camicia che acquista in quegli anni al scuola. Io ancora le uso perche non mi fanno difetto sulle spalle. Ma è vero che fanno l’effetto fuori moda?

        • Reply
          Sara Apfel
          Gennaio 7, 2021 at 9:09 am

          Dipende da come le abbini; a me sinceramente non fanno impazzire, a gusto, e spesso fanno impiegata anni ’90…

  • Reply
    Maria
    Dicembre 28, 2020 at 2:22 pm

    Direi che il mio stile adesso (o comunque lo stile che vorrei trapelasse dai miei look) è un mix tra cottage core e dark academia, quest’ultima non è che mi faccia impazzire come estetica ma è innegabile che impazzisco per i suoi tweed, tartan, plaid, etc. etc. 😆
    Ma è uno stile un po’ invernale, mentre del cottage core mi piace che si può transitare verso la bella stagione senza dover stravolgere i propri gusti, in fondo cardigan di cotone, vestiti a fiori e colori tenui sono proprio ciò che si trova in primavera!

    • Reply
      Elena
      Gennaio 7, 2021 at 8:38 am

      Adesso ho capito. Ho delke camicie bianche e a righe così di quegli anni. Le uniche che mi stanno sulle spalle grosse.

  • Reply
    Elena
    Dicembre 30, 2020 at 9:21 am

    È la seconda volta che provo a commentare.
    Lo stile Y2K non è quello stile dark, tecnologico tipo matrix?

    • Reply
      Sara Apfel
      Gennaio 6, 2021 at 10:09 am

      Mmmh, dark non direi…

  • Reply
    Elena
    Dicembre 30, 2020 at 9:23 am

    Io ho. Un cappotto così, regalato i, costosi e mai messo perché dopo quegli anni, con quello stile sembravo ridicola. Cosa potrei farne? È sintetico, in vinile nero lucido graffiato con grosdi bottoni di brillantini metro argentato, dritto e senza collo o polsini.

    • Reply
      Sara Apfel
      Gennaio 6, 2021 at 10:16 am

      Regalalo a una tombola 😀 Scherzo, se ti piace tienilo, anche se descritto così non sembra un capo attraente!

      • Reply
        Elena
        Gennaio 7, 2021 at 8:36 am

        si è una cosa alla matrix. I bottoni mdri e brillantini argento fanno molto cagher. Io voglio farlo via ma mia madre me lo impedisce perché mia zia lo pagò 200€ circa. È tipo un impermeabile in gomma/vinile graffiata opaca e di marca. Volevo venderlo ma non so che fare.

        • Reply
          Sara Apfel
          Gennaio 7, 2021 at 9:11 am

          Se non ti piace vendilo; se piace a tua madre, regalalo a tua madre!

  • Reply
    Sara
    Gennaio 15, 2021 at 8:59 am

    Gran bell’articolo.
    Ti leggo sempre e offri sempre spunti molto interessanti. Domanda: sono una mela a 8 e mi sembra che i maglioni super-soffici pastello oversize (che mi piacciono da matti) mi stiano orrendamente, sembro un fagotto. Come posso trovare un compromesso?
    Cioè, mi piace l’effetto ottico nelle foto ma poi addosso…NO!
    Che dici?
    Grazie Sara, e ancora complimenti

    • Reply
      Sara Apfel
      Gennaio 17, 2021 at 9:09 am

      “Mela a 8” è solo una delle caratteristiche della tua figura, che ne ha molte altre (peso, altezza, baricentro…); la costruzione di un outfit è un filo più complessa di così, dipende molto anche dal capo (il tessuto è pesante? come cade? etc…), da come lo abbini, dall’idea che vuoi ricreare (alcuni outfit sono pensati proprio per fare effetti che però a noi non aggradano).

Rispondi a Elena Cancel Reply